ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Ecografia delle anche nei neonati

L'ecografia delle anche è un esame che serve ad evidenziare gli eventuali segni preclinici di "displasia congenita dell'anca.

a cura di: Dott. Luigi Alberto Cutrone (neonatologo)

Ecografia fatta ad una bimba di due mesi per controllo delle anche. Cosa vuol dire questa risposta all'esame: "anca destra: si osserva buona conformazione ossea dell'acetabolo, il ciglio osseo appare ben angolato, la cartilagine acetabolare é sottile e si estende sopra la testa femorale. Tale quadro ecografico, unitamente al valore degli angoli alfa e beta, presuppone per un anca di tipo 1°. Anca sinistra: la conformazione ossea dell'acetabolo é buona, il ciglio appare smusso, la cartilagine acetabolare é coprente. Tale quadro ecografico, unitamente ai valori degli angoli alfa e beta, depone per un anca matura di tipo 1B".

L'ecografia delle anche è un esame strumentale che serve a valutare la conformazione delle strutture ossee ed articolari dell'anca e ad evidenziare gli eventuali segni preclinici di "displasia congenita dell'anca", patologia che, non trattata, tende ad evolvere in prelussazione e successiva lussazione della testa del femore dalla cavità acetabolare del bacino, con conseguente asimmetria nella lunghezza degli arti e relativa zoppia grave.

Poiché la sintomatologia clinica si manifesta al momento dell'acquisizione della deambulazione, quando le strutture osteoarticolari hanno acquisito una stabilità definitiva nei rapporti reciproci, la diagnosi clinica risulta tardiva con conseguente frequente fallimento delle terapie, spesso anche di quelle chirurgiche. Pertanto è necessaria una diagnosi preclinica, strumentale.

È ormai da tutti accettato che il miglior metodo diagnostico sia rappresentato dall'ecografia dell'articolazione femoro-acetabolare secondo Graf (N.d.R.: dal nome del medico austriaco Reinhard Graf che una decina di anni orsono introdusse l'uso degli ultrasuoni nello studio delle anche dei lattanti), da noi e da molti praticata come screening di massa su tutta la popolazione infantile all'età compresa tra un mese e mezzo e massimo tre mesi, così da identificare e trattare precocemente i quadri preclinici in tutta la corte di popolazione infantile, al fine di eradicare completamente la malattia conclamata.

L'esame è innocuo e ripetibile con facilità e velocità ma, come tutte le ecografie, da eseguire solo da personale esperto ed altamente specializzato nella tecnica. Consiste nell'osservazione e descrizione della cavità acetabolare (dove si articola la testa del femore), del ciglio osseo (il bordo osseo dell'articolazione), del ciglio cartilagineo (il bordo della cartilagine articolare) così da valutare i piccoli segni precedenti ad un eventuale scivolamento della testa del femore al di fuori dalla normale posizione articolare (come appunto è decritto nel referto sottopostoci del richiedente). Descrizione che è estremamente standardizzata nelle caratteristiche da valutare (non per niente l'autore, Graf, è di chiare origini teutoniche).

Per maggior sicurezza e standardizzazione dell'esame, la diagnosi che un operatore esperto fa a colpo d'occhio per le caratteristiche descritte precedentemente, viene confermata da una misurazione geometrica del valore di due angoli "Alfa" e "Beta" che derivano dall'incrocio di alcuni assi passanti per punti di repere ben precisi, funzione della conformazione dell'articolazione e dei rapporti delle strutture articolari tra loro.

Dalla descrizione e dalla misura degli angoli si ricava un inquadramento in classi ben definite come gravità, prognosi e terapia che, nel caso specifico di 1A e 1B (quelle descritte nella domanda), rappresentano le due categorie di anche completamente mature e per le quali non necessita più alcun controllo in quanto non svilupperanno sicuramente displasia o lussazione delle anche. Insomma il richiedente potrà essere certo che, se l'esame è stato eseguito, come pare, da un operatore esperto della materia, è stata esclusa la possibilità che il paziente esaminato presenti successivamente displasia o lussazione delle anche.

1/6/2001

29/9/2016

I commenti dei lettori

mio figlio ha 2 mesi e ci sono giorni che mi dorme fino a 11 ore poi quando si sveglia piange forte perchè affamato e mi mangia 200 di latte artificiale.Volevo sapere se sbaglio a farlo dormire cosi tanto? visto che mi dicono che si potrebbe disidratare!

bettina (PU) 09/02/2012

posso fare l'ecografia alle anche in un'altra struttura sanitaria visto che nel mio ospedale di conpetenza continuano a rinviarmi la visita e il bambino sta per compiere 3 mesi??????

sonia (OG) 21/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ecografia delle anche nei neonati"

Amniocentesi e villocentesi
Le malattie o anomalie vengono cercate con l'amniocentesi o la villocentesi.
Microftalmo: un occhio più piccolo
Microftalmo: potrebbe avere un occhio più piccolo.
Manovra di Ortolani
La manovra di Ortolani fa parte degli accertamenti diagnostici della displasia dell'anca o lussazione congenita dell'anca in età pediatrica.
Ecografia in gravidanza
L'ecografia è una tecnica diagnostica che permette di sorvegliare l'andamento della gravidanza, controllando le condizioni della placenta e del feto.
Lussazione congenita dell'anca
La lussazione congenita dell'anca è tra le patologie ortopediche, una delle più frequenti anomalie congenite.
Idronefrosi nell'ecografia in gravidanza
Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare