ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Il singhiozzo

Il singhiozzo è un fenomeno naturale nel neonato, soprattutto nei primi mesi di vita, e non è dovuto ad alcun problema di salute. Gli interventi più efficaci per risolvere questo disturbo.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Il mio bambino di tre mesi ha spesso il singhiozzo. Significa che non digerisce bene il latte? Come posso farglielo passare?

Il singhiozzo è un fenomeno che si può manifestare spesso, soprattutto nei primi mesi di vita, ma del tutto naturale, non dovuto quindi ad alcun problema di salute. È causato dal fatto che il cardias, la valvola che permette la comunicazione tra l'esofago e lo stomaco, non si chiude ancora perfettamente perché non si è formata completamente. Il singhiozzo compare più spesso dopo una crisi di pianto o dopo un rigurgito o quando il bimbo mangia troppo voracemente, tutte situazioni in cui il piccolo ingurgita molta aria.

Gli interventi più efficaci per risolvere questo disturbo, che è comunque transitorio, consistono nel somministrare un cucchiaino di acqua o nell'attaccare per alcuni secondi il bambino al seno o al biberon. Sono invece da evitare alcuni accorgimenti comunemente praticati:

  • dare succo di limone o di altri agrumi perché possono causare allergie e corrodere i dentini da latte;
  • somministrare acqua gassata, che spesso fa aumentare il singhiozzo;
  • chiudere il nasino del piccolo per fargli trattenere il respiro: il risultato più probabile sarebbe solo un pianto disperato.

1/1/1997

31/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il singhiozzo"

Il singhiozzo nella pancia della mamma
Il bambino inghiotte un po' di liquido amniotico che emetterà come se avesse il singhiozzo nella pancia della mamma.
Il singhiozzo nel neonato
Il singhiozzo, nei primi 2-3 mesi del neonato, è molto frequente, soprattutto dopo la poppata.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana