ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Latte per il neonato

E' importante valutare non tanto la quantità di latte assunta ad ogni pasto del neonato ma l'incremento settimanale di peso che nel primo trimestre è compreso fra 130 e 200 grammi.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Ho partorito da pochi giorni. Il mio bambino in ogni poppata al seno riesce a bere una quantità di circa 40 gr. e questo poppando per un'ora. Il bambino dopo un'ora è stanco ed ancora affamato e quindi abbiamo pensato di aggiungere altri 50 gr. di latte artificiale. Il piccolo pesava kg 3,2 alla nascita. Dò sempre la precedenza all'allattamente al seno ma vedo che le quantità non aumentano. Inoltre in questo modo, ovvero con l'aggiunta, il bambino è più sereno. Per valutare la quantità delle poppate al seno usiamo una bilancia elettronica prima e dopo la poppata. Vi chiedo: sto agendo nel modo giusto? Quello che vorrei sapere è qual è la quantità corretta di latte nei primissimi giorni.

Non si può e non si deve valutare la quantità di latte materno che il lattante assume ad ogni poppata; infatti la quantità può essere molto variabile da giorno a giorno e soprattutto da poppata a poppata e quindi non si dovrebbe usare  la bilancia per la doppia pesata che è snervante, ingenera dubbi e ansie nella mamma e disturba il bambino.

Quello che si deve valutare non è la quantità di latte assunta ad ogni pasto ma l'incremento settimanale di peso che nel primo trimestre è compreso fra 130 e 200 grammi.

Per valutare se ha assunto una quantità sufficiente di latte, il bambino ogni giorno deve bagnare almeno 5-6 pannolini di pipì (attenzione: evitando assolutamente integrazioni con acqua, camomilla, ecc).

Bisogna tenere presente che  la giunta di latte artificiale con il biberon nei primi giorni di vita può indurre nel piccolo confusione nella suzione (dato che le modalità di succhiamento dal seno e dalla tettarella sono diverse) con conseguente difficoltà del bambino ad attaccarsi al seno.

In altre parole: se un bambino succhia dal biberon prima che sia stabilizzato l’allattamento al seno, potrà avere difficoltà nel succhiare efficacemente. In estrema sintesi: è importante sapere quanto un neonato cresce, non quanto mangia!
 

 



 

8/6/2011

17/2/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Latte per il neonato"

Allattamento al seno: la mamma che allatta
L'allattamento al seno è bello e utile, ma come fare? I nostri consigli alla mamma che allatta un neonato.
Allattamento al seno dopo i sei mesi
Come cambia la composizione del latte materno nei primi 12 mesi? Un aiuto alla mamma che allatta.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
Allattamento al seno e svezzamento
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Allattamento al seno e risvegli notturni
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Una dieta per la mamma allergica che allatta?
Se la mamma allatta ed è allergica non è necessario praticare alcuna dieta a scopo preventivo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'acqua in gravidanza
L'acqua in gravidanza viene trattenuta nei tessuti provocando spesso gonfiori e aumento di peso. Si tratta, però, di disturbi lievi che si superano facilmente.
Palato ogivale
Con il termine "palato ogivale" si intende un palato molto profondo, la cui sezione ricorda appunto una ogiva.
Piedi piatti e posizione nel sonno
La posizione del sonno non ha particolare effetto sulla struttura del piede piatto. Non si può parlare di piede piatto nei primi due anni di vita.
Calazio ricorrente
La terapia medica (colliri e pomate antibiotiche associate a cortisonici) può fare regredire i calazi, se instaurata in tempo.
E' morbosamente attaccata ai nonni
Da sempre i nonni coccolano e viziano i nipoti. E' un rapporto stupendo, fatto di giochi e di complicità.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale