ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Piedi piatti e posizione nel sonno

Hanno riscontrato a mia figlia i piedi piatti e ci hanno detto che può dipendere dalla posizione che assume durante il sonno. E' vero?

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mia figlia Margherita, di nove mesi, è stata al consultorio dell'USSL per la visita dell'udito e le hanno riscontrato i "piedi piatti", ci hanno quindi chiesto di non farla più dormire a pancia in giù. Ma fino ad oggi dormiva così perchè avendo subito alla nascita un intervento di ernia diaframmatica i medici dell'ospedale ci hanno consigliato di farla dormire in questo modo. Adesso noi genitori tentiamo di farla dormire di fianco oppure a pancia sopra per paura dei piedi piatti, ma la bambina quasi subito o si sveglia o si gira di nuovo e riprende a dormire.

La posizione assunta nel sonno non ha particolare effetto sulla struttura articolare del piede, per cui continui a far dormire la bimba come prima, facilitandole un riposo sereno nella posizione che preferisce.

Ricordiamo che non ha molto senso parlare di piede piatto nei primi anni di vita:

  • anzitutto, i bimbi hanno il piede "cicciottello", che sembra piatto ma piatto non è
  • poi, la forma del piede (come spesso succede ad altre parti del corpo) si modella sulla funzione e dunque occorre che il bambino ci cammini sopra a lungo prima che il piede assuma le caratteristiche definitive
  • inoltre, la scarsa collaborazione rende veramente difficile la valutazione corretta (in piedi sul podoscopio)
  • in qualsiasi caso, non ci sarebbe comunque altro da fare che aspettare

Dunque, qualsiasi valutazione a questa età è prematura. Se il problema le sembrasse persistere dopo i 2-3 anni, quando la bambina cammina ormai con sicurezza, la faccia vedere al suo pediatra, che la terrà controllata con il podoscopio. E non pensi nemmeno a plantari o supporti del genere: fanno parte di una medicina ormai vecchia.

1/1/1997

17/7/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Piedi piatti e posizione nel sonno "

SIDS: mettiamoli a dormire di schiena
Un comportamento corretto contro la SIDS. Torniamo a fare dormire i neonati sulla schiena.
Risvegli notturni del neonato
La quantità di sonno, nei primi anni di vita, è in costante evoluzione. Anche se le differenze individuali sono molto ampie.
Fatica a prendere sonno
Anche dopo una giornata stancante, la sera fatica a prendere sonno e di conseguenza si agita.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Quando si inizia a sognare?
Esiste una notevole variabilità nella descrizione dei sogni da un bambino all'altro. Dall'età di 3 anni i bambini iniziano a riferire sogni occasionali.
Risvegli notturni
Mio figlio di 10 mesi ha un sonno molto agitato. Ci sono dei farmaci che possono evitargli questi risvegli notturni? I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo