ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Piedi piatti e posizione nel sonno

Hanno riscontrato a mia figlia i piedi piatti e ci hanno detto che può dipendere dalla posizione che assume durante il sonno. E' vero?

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mia figlia Margherita, di nove mesi, è stata al consultorio dell'USSL per la visita dell'udito e le hanno riscontrato i "piedi piatti", ci hanno quindi chiesto di non farla più dormire a pancia in giù. Ma fino ad oggi dormiva così perchè avendo subito alla nascita un intervento di ernia diaframmatica i medici dell'ospedale ci hanno consigliato di farla dormire in questo modo. Adesso noi genitori tentiamo di farla dormire di fianco oppure a pancia sopra per paura dei piedi piatti, ma la bambina quasi subito o si sveglia o si gira di nuovo e riprende a dormire.

La posizione assunta nel sonno non ha particolare effetto sulla struttura articolare del piede, per cui continui a far dormire la bimba come prima, facilitandole un riposo sereno nella posizione che preferisce.

Ricordiamo che non ha molto senso parlare di piede piatto nei primi anni di vita:

  • anzitutto, i bimbi hanno il piede "cicciottello", che sembra piatto ma piatto non è
  • poi, la forma del piede (come spesso succede ad altre parti del corpo) si modella sulla funzione e dunque occorre che il bambino ci cammini sopra a lungo prima che il piede assuma le caratteristiche definitive
  • inoltre, la scarsa collaborazione rende veramente difficile la valutazione corretta (in piedi sul podoscopio)
  • in qualsiasi caso, non ci sarebbe comunque altro da fare che aspettare

Dunque, qualsiasi valutazione a questa età è prematura. Se il problema le sembrasse persistere dopo i 2-3 anni, quando la bambina cammina ormai con sicurezza, la faccia vedere al suo pediatra, che la terrà controllata con il podoscopio. E non pensi nemmeno a plantari o supporti del genere: fanno parte di una medicina ormai vecchia.

1/1/1997

17/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Piedi piatti e posizione nel sonno "

Piede piatto e malformazioni dentali
Per il piede piatto non risultano correlazioni con malformazioni dentali, talvolta può risultare concomitante con una malocclusione dentale.
Risvegli notturni del neonato
La quantità di sonno, nei primi anni di vita, è in costante evoluzione. Anche se le differenze individuali sono molto ampie.
Si sveglia di notte
Si sveglia di notte, talvolta piangendo. Non viene nel lettone, ma ci tiene svegli a lungo. I consigli della psicologa.
SIDS: mettiamoli a dormire di schiena
Un comportamento corretto contro la SIDS. Torniamo a fare dormire i neonati sulla schiena.
Curiosità sulla culla e la sua storia
La culla ha accompagnato i nostri sonni e quelli dei nostri bambini. Ecco un approfondimento e alcune curiosità su questo oggetto caro a tutti noi.
Allattamento al seno e risvegli notturni
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano