ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Rifiuta il latte e la pasta

La pasta è un alimento fondamentale nella dieta di un bambino perché, come tutti i cereali, è ricchissima di amido, cioè di uno zucchero "complesso" che viene assorbito lentamente dall'organismo.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mio figlio ha 22 mesi, pesa circa 14 kg ed alto 88 cm. Da circa un mese rifiuta il latte e qualsiasi piatto dove compare la pasta. Cosa possiamo fare per farlo tornare a divorare i suoi piattoni di pasta?
Potete consigliarmi una dieta alternativa?

La pasta è un alimento fondamentale nella dieta di un bambino perché, come tutti i cereali, è ricchissima di amido, cioè di uno zucchero "complesso" che viene assorbito lentamente dall’organismo ed è in grado, quindi, di fornire energia poco per volta e per lungo tempo.

L’amido si differenzia dagli zuccheri "semplici", quelli contenuti nella frutta o in dolcificanti come lo zucchero da cucina o il miele, che invece vengono assorbiti rapidamente, fornendo energia di pronto impiego. In una dieta corretta il 50% delle calorie dovrebbe essere dato dall’amido. La pasta inoltre fornisce proteine dette "a basso potere biologico" perché non contengono tutti gli aminoacidi essenziali, come invece fanno le proteine nobili o "ad alto valore biologico" presenti nella carne, nel pesce, nelle uova, nel latte e nei latticini.

Esistono però molti altri alimenti in grado di apportare amido nell’alimentazione di un bambino: riso, pane, grissini, biscotti, crackers, fette biscottate, corn flakes, orzo, polenta, mais, avena, segale, pizza, focacce, patate, castagne, sono tutti ottimi sostituti della pasta. Anche per il latte esistono varie alternative rappresentate soprattutto dai formaggi e dallo yogurt.

Ad esempio le proteine contenute in 250 ml di latte possono essere sostituite da 190-200 gr. di yogurt (all’incirca un vasetto e mezzo), 70 gr. di ricotta fresca, 45-50 gr. di crescenza, 40 gr. di mozzarella o taleggio, 30-35 gr. di groviera o fontina o emmental o Bel Paese, 25-30 gr. di asiago o provolone, 20-25 gr. di parmigiano reggiano o di grana padano.

Per quanto riguarda il problema di sostituire l’apporto di calcio contenuto nel latte, si rimanda ad una precedente risposta. Il latte può inoltre essere offerto sotto forma di puree o di dessert o di gelati o di creme e budini a base di latte.

1/6/1998

5/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rifiuta il latte e la pasta"

Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
Stitichezza e allergia al latte
In uno studio di autori italiani sull'allergia alle proteine del latte vaccino è stata confermata l'associazione tra stipsi e proteine del latte vaccino.
Intolleranza al latte
Nei soggetti con allergia alle proteine del latte vaccino si verificano frequentemente sensibilizzazioni anche ad altri alimenti.
Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Alimentazione dei neonati e bambini piccoli
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Fino a quando sterilizzare il biberon?
La sterilizzazione degli oggetti destinati a essere introdotti in bocca è assolutamente necessaria almeno nei primi 4-5 mesi di vita.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Brainstorming in famiglia
Il brainstorming è un modo intelligente e originale per stare insieme e trovare nuove idee e soluzioni.
Cammina spesso sulla punta dei piedi
Camminare in punta di piedi è da considerarsi normale nel periodo che va da uno a due anni compiuti.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Macchie al viso in gravidanza
A partire dal 3°-4° mese di gravidanza è possibile notare la comparsa di piccole macchie marroni sul viso soprattutto nelle donne brune.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita