ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Sindrome di West

La sindrome di West è una forma grave di epilessia caratterizzata da spasmi in flessione, perturbazione dell'elettroencefalogramma e deterioramento neuropsichico. Cosa fare e quale terapia seguire.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Sono il padre di un bambino di 14 mesi a cui è stata diagnosticata una epilessia con sindrome di West. Gradirei conoscere le cause e le cure possibili.

La sindrome di West costituisce oltre la metà delle epilessie del primo anno di vita ed esordisce in genere tra i 4 e i 7 mesi di vita. È caratterizzata dalla triade: spasmi in flessione (più raramente in estensione, con frequenza pluriquotidiana), grave perturbazione dell'elettroencefalogramma (ipsaritmia) e deterioramento neuropsichico con grave regressione psicomotoria.

Gli spasmi più caratteristici sono costituiti dal cosiddetto tic di Salaam (cioè da una flessione brusca del capo e dei quattro arti, con irrigidimento del tronco, che riproduce il classico saluto mussulmano), spesso della durata di pochi secondi; si presentano qualche volta isolati, altre volte in sequenza di dieci e più e possono ripetersi anche centinaia di volte in una giornata.

Gli episodi sono più frequenti al risveglio o durante i pasti o al momento di addormentarsi, mentre avvengono raramente durante il sonno. La regressione psicomotoria è preceduta da un periodo di apatia (spesso coincidente con l'inizio degli spasmi) e si segnala con la perdita, che va accentuandosi con il passare del tempo, delle acquisizioni statiche e della coordinazione motoria. Si riconoscono due forme di sindrome di West.

La forma primitiva si manifesta in bambini fino in quel momento neurologicamente normali e può avere prognosi favorevole, se trattata molto precocemente con l'ormone adrenocorticotropo (ACTH). La forma secondaria, detta anche sintomatica, compare in bambini con malformazioni cerebrali, malattie metaboliche, infezioni cerebrali, cerebropatie di origine perinatale: ha un evoluzione che è sempre sfavorevole per quanto riguarda lo sviluppo psicomotorio.

Il trattamento con ACTH per via intramuscolare fa scomparire rapidamente gli spasmi nella maggior parte delle forme primitive e anche in molte forme secondarie (anche se in queste ultime si verificano frequenti recidive).

1/1/1997

24/7/2015

I commenti dei lettori

Anche mio figlio è affetto dalla s.di. West dall'età di 14 mesi. Seguito al San Matteo di Pavia con sabril, depakin e ACTH dopo la prima settimana non presentava più spasmi e oggi, con qualche difficoltà rimasta nella concentrazione e memoria, ha una vita sociale direi normale. Non è completamente autosufficente, non saprebbe prendere mezzi pubblici o treni da solo, ma guida uno scooter ed esegue piccoli lavoretti a casa. Nel mondo del lavoro vero ci sono difficoltà, troppo "normale" per un' invaliditá grave e non troppo per lavorare come semplice operaio. Oggi 19 enne. Ps.: ha smesso tutti i farmaci a circa 7/8 anni.

Paila (PC) 25/09/2012

La mia bambina ha avuto la sindrome di West in forma primitiva quando aveva 5 mesi. È' stata curata al Bambin Gesù' e fortunatamente, dopo un breve ciclo di ACTH, gli spasmi sono scomparsi. ora la mia bimba ha 3 anni e mezzo e sta benissimo.

Sara (RA) 29/01/2013

Io ho una bimba di 8 mesi a cui a 40 giorni di vita è stata diagnosticata la sindrome di West...curata a partire da quasi 4 mesi di età con ACTH prima con il solo sabril, ha smesso dalla seconda puntura di avere spasmi, RMN nella norma e finora gli esami sono stati negativi. ora fa ACTH ogni 15 giorni e poi 1 al mese. Ride pochissimo e soprattutto NON CI GUARDA, non sta seduta regge poco il capo. qualcuno mi può aiutare? grazie

Nadia (MI) 17/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sindrome di West"

Contrazioni muscolari in un neonato
Le contrazioni muscolari sono spasmi brevi e si esauriscono spontaneamente entro il 2°-3° anno.
Sbatte le palpebre, ma non insieme
Mia figlia di sei mesi, sbatte le palpebre. da che cosa è dovuto?
Sindrome di West
La sindrome di West è una malattia epilettica con esordio nel 1° anno di vita, caratterizzata dalla presenza di spasmi epilettici.
La mia bambina soffre di ansia
Fatica ad addormentarsi, ha tic nervosi e si mangia le unghie. Forse la mia bambina soffre di ansia. I rimedi per farla stare più serena.
Tic nervosi
I tic nervosi compaiono dopo i 6-7 anni di età e la loro evoluzione è molto variabile: possono apparire e scomparire spontaneamente.
Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Gli esami del sangue in gravidanza
Gli esami del sangue in gravidanza sono indispensabili per la salute sia della mamma che del bambino.
La vaccinazione contro la rosolia
La vaccinazione contro la rosolia protegge "una vita futura". La rosolia contratta durante la gravidanza può provocare aborto spontaneo o gravi danni al feto.
Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I pidocchi
La scheda sui pidocchi (pediculosi) a cura della Associazione per la Ricerca in Pediatria. Come ci si contagia e come ci si cura.

Quiz della settimana

Avete notato, sulla cute del vostro piccolo di due anni, una decina di macchie color caffè-latte. Che cosa fate?
Nulla
Cercate di approfondire la diagnosi
Aspettate che sia più grande per farlo vedere ad un dermatologo
Pensate che si tratti di nei della pelle