ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

In vacanze con i bambini

In vacanza, i bambini si adattano bene purché i luoghi siano poco affollati e non inquinati. Basta seguire qualche piccolo consiglio per rendere gradita la vacanza anche ai bambini più piccoli.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono la mamma di Emanuele un bimbo di 13 mesi. Il mese prossimo andremo in vacanza al mare per circa 10 giorni in una bellissima località con tutte le infrastrutture possibili per neonati e bambini. Abbiamo scelto tale luogo dopo aver consultato una rivista specifica sulle vacanze con i figli da 0 a 7 anni, quindi da questo punto di vista siamo tranquilli. Mi sto invece chiedendo come si troverà Emanuele essendo la sua prima vacanza, l`ambiente nuovo, via da casa. Si adatterà facilmente? Inoltre che precauzioni bisognerà prendere per questa vacanza marittima?

I bambini beneficiano sicuramente dei periodi di vacanza, si adattano bene all'ambiente sopratutto se il posto è confacente alle loro abitudini e alle loro esigenze, se il viaggio non è troppo disagevole (i lunghi viaggi in autostrada devono essere interrotti ogni tanto con soste per il mangiare, "sgranchirsi" le gambe, per bere e se fa troppo caldo per stare un pò all'ombra). Mare e montagna sono ugualmente benefici se si evitano i luoghi troppo affollati e troppo inquinati dallo scarico dei gas di troppe automobili.

Ecco allora una serie di buoni consigli per rendere la vacanza al mare gradita e senza problemi:

  • evitare l'esposizione al sole nelle ore più calde in cui l'irradiazione solare è più forte (dalle 11 alle 16)
  • fare il "pisolino" pomeridiano perchè l'aria di mare è sì benefica, ma può essere "stancante" in spiaggia
  • utilizzare un copricapo e una maglietta nelle ore calde
  • bere acqua per evitare disidratazione (non fredda di frigorifero)
  • immergersi con gioia nell'acqua di mare, a distanza di 3 ore dai pasti, se il mare non è inquinato (informarsi!)
  • la sabbia chiara e la superficie dell'acqua riflettono la luce solare, l'ombrellone protegge dall'irradiazione per il 50% ma non ha azione sulla radiazione ultravioletta riflessa dalla sabbia
  • non esporsi al sole dopo aver mangiato
  • i bambini devono usare filtri solari ad alto Fattore di protezione (15 - 18 nei primi giorni, riducendo a 6 quando l'abbronzatura è compatta, si è formata cioè la melanina che è la protezione naturale della pelle)
  • non esporsi al sole dopo aver applicato sulla pelle creme con sostanze fotosensibilizzanti, profumi o farmaci
  • le creme solari devono essere resistenti all'acqua, non untuose, vanno riapplicate spesso, non devono contenere alcool, profumi e derivati del PABA (acido paraaminobenzoico)
  • se la crema solare acquistata provoca irritazione, cambiarla subito
  • evitare olii abbronzanti: cocco, mandorla, oliva, bergamotto, ecc.
  • proteggere le pelli con molti nei, capillari, angiomi
  • nei bambini prima dei 6 mesi l'esposizione al sole va evitata perchè non hanno ancora completato la formazione della melanina che è il meccanismo di difesa
  • durante le giornate nuvolose i raggi UVB, che sono i più pericolosi, attraversano ugualmente lo strato di nubi, ma non si produce sensazione di calore perchè mancano gli infrarossi, per cui ci si può ustionare ugualmente
  • adottare un abbigliamento libero, non costrittivo, di fibre naturali (come il cotone) che lasciano traspirare ed evaporare il sudore
  • l'alimentazione deve essere leggera, ricca di cibi "idratanti" e vitaminici come la verdura e la frutta, non esagerare con "merendine" confezionate, gelati, succhi di frutta, bibite gasate, cibi salati e fritti (patatine,fonzies ecc.)

1/6/1997

8/9/2016

I commenti dei lettori

Potrò portare in montagna ad agosto il mio nipotino che nascera a fine giugno. Lo porterei a Macugnaga 1300 mt circa nella sett. di ferragosto e la successiva quando a casa fa piuttosto caldo. Il bimbo avrà 1 mese e mezzo. Ci sono controindicazioni?

angela (VA) 07/01/2013

Salve sono la mamma di una meravigliosa bambina di 20 mesi, a proposito di vacanze vorrei cercare di sensibilizzare i neo genitori a non essere esagerati nei confronti dei loro figli ma semplicemente attenti nell'organizzazione della vacanza in maniera tale che sia a misura dei bambini che li accompagnano.Lo scorso anno con mio marito e mia figlia, di appena un anno, siamo stati in vacanza a Berlino e ci siamo trovati benissimo.Buone vacanze a tutti senza esagerazioni :)

Vittoria (RM) 11/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "In vacanze con i bambini"

Asma: montagna o mare?
La mia bambina soffre di asma e ci hanno consigliato un cambiamento d'aria: è meglio il mare o la montagna? I consigli della pediatra.
Curiosità, arte e letteratura nell'estate
Leggiamo alcune curiosità sull'estate e scopriamo come è stata rappresentata nell'arte e nella letteratura.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha difficoltà nel socializzare
Mio figlio di cinque anni spesso si avvicina ad un gruppo, ma viene respinto. I consigli dello psicologo.
Spasmi affettivi
Gli spasmi affettivi sono una crisi emotiva: per una causa anche banale, il bambino piange, trattiene il fiato. Quali sono le cause e come comportarsi.
Una tachicardia inspiegabile
Ho fatto ricoverare mia figlia per una tachicardia. Dagli esami non è risultato nulla ed è stata dimessa come se non fosse accaduto nulla.
Ernia iatale
Con il termine ernia iatale si intende lo spostamento di un organo dalla sua cavità naturale attraverso un'apertura anomala.
Il ciuccio per un neonato
Il ciuccio può essere di due tipi: a ciliegia (forma rotonda più adatta ai neonati) o anatomico (a forma di goccia). I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Quanti sono i virus che possono provocare il raffreddore?
50
70
100
Più di 200