ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita

Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita. Come dirle che stiamo per avere un secondo bambino? Presentatele la gravidanza come una scelta d'amore.

a cura di: Dott.ssa Margherita Fassari (psicologa)

Abbiamo adottato una bellissima bambina a pochi giorni dalla nascita. Adesso che ha quattro anni, siamo in attesa di un figlio "naturale" (secondo mese di gestazione). Premesso che a nostra figlia, adeguatamente alla sua età, abbiamo accennato sin dal primo momento alla sua storia, ci chiediamo come raccontarle di questo bimbo che nascerà dalla pancia della sua mamma. Potete aiutarci? Abbiamo scelto di avere un altro figlio con gioia anche per dare a lei un fratellino. Vi chiediamo inoltre se potete consigliarci dei libri che trattano l'argomento nello specifico.

Innanzi tutto vorrei farvi i complimenti, perché è difficile incontrare genitori che abbiano il coraggio di affrontare un discorso così delicato con bambini così piccoli e soprattutto con bambini adottati a pochi giorni dalla nascita. Spesso, infatti, si crede che un bambino adottato a pochi giorni dalla nascita possa anche non essere informato del suo passato dato che probabilmente non lo può ricordare. Invece, la vita emotiva di un bambino inizia molto prima della sua nascita. In linea generale, ritengo che il modo migliore di spiegare il mondo e la realtà ai bambini sia quello di illustrare le cose per quello che sono cercando di utilizzare un linguaggio che si rivolga soprattutto al lato emotivo.

Con questo voglio dire che i bambini hanno una capacità maggiore di noi adulti di sintonizzarsi sulle emozioni altrui e di capirle. Relativamente alla domanda che mi avete posto, mi potrebbe essere utile sapere il motivo per cui avete deciso di adottare una bambina (problemi di fertilità, desiderio di adozione, ecc.) e che potrebbe essere anche la risposta pratica al perché prima non potevate avere un bambino che esce dalla pancia della mamma e adesso sì. Comunque credo che il messaggio più importante, che va oltre le motivazioni pratiche sia questo: parlatele del vostro desiderio di dare amore e di offrire la possibilità, a lei e al bambino in arrivo, di godere dell'affetto e dell'attenzione di una famiglia.

Presentatele la gravidanza come una scelta d'amore, come lo è stata quella di adottare lei; ditele che un bambino nasce prima di tutto nel cuore dei genitori, nel loro pensiero, nel loro desiderio di amare e nei loro sogni. In questo senso lei e il bambino in arrivo sono nati tutti e due da voi, dentro di voi e attraverso di voi, anche se sono arrivati a voi in modi diversi. A questo proposito mi sentirei di consigliarvi una raccolta di fiabe, "Mille e mille modi di amare" (casa editrice Mammeonline), di genitori che hanno scelto di adottare un bambino e che hanno utilizzato queste fiabe per spiegare ai loro bambini come l'amore, per esprimersi, percorra tante strade e come "…non tutti i bambini vengano portati dalla cicogna" (citazione dalla presentazione del libro).

27/6/2005

10/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita"

Una camera in comune per due fratelli
Se non si ha possibilità di spazio, i bambini possono vivere nella stessa stanza: ciò non influenzerà il loro sviluppo emotivo.
Il fratellino e la gelosia
È piuttosto comune che un bambino reagisca con gelosia alla nascita di un fratellino con atteggiamenti più o meno aggressivi.
L'adozione
Le domande più frequenti relative all'adozione.
Gelosia del fratellino
La gelosia per il fratellino è un sentimento normale. I consigli di come gestirla perché non diventi un problema fra di loro.
Adottare un bambino quando si hanno già dei figli
L'adozione di un bimbo, soprattutto in presenza di figli naturali, è un gesto di grande valenza morale. Come aiutarlo ad inserirsi nella famiglia.
Figlio unico?
Meglio figlio unico? Vantaggi e svantaggi del dargli un fratellino. I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.
Si possono usare gli assorbenti interni a 12 anni?
Sono controindicati gli assorbenti interni per mia figlia di 12 anni? I consigli del ginecologo.
La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare