ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Aggressività alla scuola materna

Alla scuola materna picchia gli altri bambini, anche quelli più grandi, senza motivo perchè non riesce ad esprimersi ancora chiaramente. I consigli su come fargli superare questa fase di aggressività.

a cura di: Dott.ssa Lucia Mantovani (psicologa)

Sono la mamma di un bambino di 3 anni e tre mesi; il mio problema è che vengo continuamente richiamata dalle insegnanti della materna perchè il piccolo picchia gli altri bambini, anche quelli più grandi senza motivo, (per le insegnanti) o perchè non riesce ad esprimersi ancora chiaramente. Il problema che fuori dall'ambito della materna non picchia nessuno; a volte con fatica io e il papà  riusciamo a farci spiegare l'accaduto e il piccolo ci dice che anche gli altri bambini lo picchiano e/o lo fanno piangere (torna spesso a casa con lividi e grafi), ma non ci dice più nulla, nè chi sono i bambini o altro. L'ho riferito alle insegnanti, ma purtroppo loro vedono solo lui che picchia e il bambino non gli dice il motivo. Avrei bisogno di un consiglio. Anche perchè il bambino è molto solare e vivace.

La situazione che descrive sembra comportare un disagio a diversi livelli, sia nel vostro bambino, sia in voi come genitori sia nel rapporto di entrambi con la scuola materna. Può essere utile a questo punto lavorare su due fronti, cioè con la scuola e con il bimbo.

Rispetto alla scuola potrebbe essere d'aiuto un confronto con le educatrici, in modo tale da non instaurare un circolo vizioso per cui loro percepiscono il vostro piccolo come "il problema" mentre voi siete portati a difenderlo; questo aiuterà anche vostro figlio nel percepirsi supportato da mamma e papà ma anche capito e considerato dalle maestre, e non esposto alla possibilità  di non essere creduto.

Per quanto riguarda il bambino, c'è da dire che a partire dai due anni, e per un periodo variabile da bambino a bambino, i piccoli affrontano le loro prime scoperte, sia rispetto a se stessi sia al mondo esterno e spesso alcuni comportamenti che agli adulti possono apparire aggressivi possono essere in realtà orientati soltanto all'affermazione di sè e alla sperimentazione delle proprie capacità.

Se un bambino "picchia" o morde i compagni spesso l'istinto aggressivo non è la motivazione che spinge primariamente quel comportamento ed è importante considerare anche questi aspetti.

Ciò non toglie che con lo sviluppo cognitivo ed emotivo l'aggressività inizi ad essere sperimentata e canalizzata in azioni specifiche, quali appunto il picchiare, lo spintonare o il mordere; in situazioni come queste ultime è importante che i bambini imparino a capire che la conseguenza di un atto aggressivo compiuto su un altro crea un danno, fa male a chi lo riceve.

In considerazione della variabilità delle situazioni caso per caso, per affrontare e risolvere al meglio la vostra difficoltà, potreste consultare un professionista che vi aiuti a fare chiarezza e comprendere soprattutto quali siano i vissuti del vostro bambino, che probabilmente al momento vive la scuola materna come un ambiente per lui difficile da gestire, sia per il rapporto con i compagni sia per la relazione con le educatrici.

In bocca al lupo e un cordiale saluto
 

15/10/2012

8/6/2016

I commenti dei lettori

io mi sono accorta che qualcosa non andava da linguaggi non verbali, simulazioni di cio che avveniva in classe. purtroppo se il metodo educativo è ben radicato sarà difficile un intenzione comune, meglio cambiare scuola, il mio bimbo non lo salutavano nemmeno quando entrava e una punizione era amplificata a ferire oltremodo. ora è felice e rispettato in un'altra scuola. vedrai che una tua posizione aiutera anche gli altri genitori, non dobbiamo avere timore di difendere i noctri bambini da misure educative superate da decenni di studi e tesi. il dialogo sopra ogni cosa sempre, soprattutto tra adulti, buona fortuna. monica81.

15/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Aggressività alla scuola materna"

Scuola materna, scuola elementare
Secondo voi è importante scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare? I consigli della psicologa.
Andrà al nido il mese prossimo
Inizierà il nido il mese prossimo. I consigli su come prepararlo a questa nuova esperienza.
Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido. Alla mattina il momento del distacco è sempre difficile, ed i pianti sono di routine.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
Tampone faringeo a scuola: contro la scarlattina
Perché questo test all'ingresso alla materna? Serve a prevenire la scarlattina e altre infezioni da streptococco.
Non vuole fare il sonnellino
Cosa fare per convincerla a fare il sonnellino alla scuola materna. Devo insistere o lasciar perdere? I consigli dell'esperto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte