ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Ascoltare o dare consigli ai figli?

Per favorire il dialogo con i figli è importante farli sentire a proprio agio. In questo modo si favorisce l'apertura e lo scambio reciproco di parole, sentimenti, pensieri e ragionamenti.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Dare consigli ci fa sentire utili, dimostra a noi stessi e agli altri che siamo competenti in un certo campo, ci fa provare una sensazione di controllo della realtà e anche dei problemi dell’altro. Vedete però: ci fa sentire, dimostra a noi stessi, ci fa provare…: fin qui siamo centrati su noi stessi.

E’ un paradosso: voglio aiutare l’altro con un consiglio e tutto parte e si incentra su me e sul mio pensiero, su quello che ricevo io da questa azione di attenzione e di consiglio all’altro.

Rovesciamo la situazione. Voglio partire dall’altro, quindi inizio con il desiderio del suo bene, che ancora non so quale sia, dato che chi ho di fronte ancora non si è espresso.

A volte siamo così desiderosi di aiutare e quindi di appagare il nostro desiderio di autoaffermazione, che ci precipitiamo nell’aiuto e nel consiglio ancor prima di aver capito bene che cosa serva in quel momento. Calma, ripeto, partiamo dal suo bene: qual è?

Lo guardo con attenzione senza invaderlo con un’occhiata interrogativa e indagatrice che vorrebbe comunicare “dì pure a me, che ti capisco e so che cosa ti occorre”.

Attendere. Sorridere. Un gesto di accoglienza, di apertura. L’altro si sente a suo agio, siamo alla pari, sullo stesso piano; io non sono più forte di te perché ti trovi in un momento di dubbio e di debolezza, mentre io sono sereno e mi sento sicuro.

No, uguali, della stessa natura umana capace di eroismo e passibile di debolezza e smarrimento. Così si favorisce l’apertura e lo scambio reciproco di parole, sentimenti, pensieri, ragionamenti.

L’altro sente che è accolto (non basta che noi abbiamo il desiderio sincero di dimostrarci accoglienti) che è ben voluto, che non è e non sarà giudicato.

L'articolo originale prosegue alla pagina: www.comunicareinfamiglia.com/index.php/item/99-ascoltare-o-dare-consigli

 

16/1/2013

14/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa