ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Ascoltare o dare consigli ai figli?

Per favorire il dialogo con i figli è importante farli sentire a proprio agio. In questo modo si favorisce l'apertura e lo scambio reciproco di parole, sentimenti, pensieri e ragionamenti.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Dare consigli ci fa sentire utili, dimostra a noi stessi e agli altri che siamo competenti in un certo campo, ci fa provare una sensazione di controllo della realtà e anche dei problemi dell’altro. Vedete però: ci fa sentire, dimostra a noi stessi, ci fa provare…: fin qui siamo centrati su noi stessi.

E’ un paradosso: voglio aiutare l’altro con un consiglio e tutto parte e si incentra su me e sul mio pensiero, su quello che ricevo io da questa azione di attenzione e di consiglio all’altro.

Rovesciamo la situazione. Voglio partire dall’altro, quindi inizio con il desiderio del suo bene, che ancora non so quale sia, dato che chi ho di fronte ancora non si è espresso.

A volte siamo così desiderosi di aiutare e quindi di appagare il nostro desiderio di autoaffermazione, che ci precipitiamo nell’aiuto e nel consiglio ancor prima di aver capito bene che cosa serva in quel momento. Calma, ripeto, partiamo dal suo bene: qual è?

Lo guardo con attenzione senza invaderlo con un’occhiata interrogativa e indagatrice che vorrebbe comunicare “dì pure a me, che ti capisco e so che cosa ti occorre”.

Attendere. Sorridere. Un gesto di accoglienza, di apertura. L’altro si sente a suo agio, siamo alla pari, sullo stesso piano; io non sono più forte di te perché ti trovi in un momento di dubbio e di debolezza, mentre io sono sereno e mi sento sicuro.

No, uguali, della stessa natura umana capace di eroismo e passibile di debolezza e smarrimento. Così si favorisce l’apertura e lo scambio reciproco di parole, sentimenti, pensieri, ragionamenti.

L’altro sente che è accolto (non basta che noi abbiamo il desiderio sincero di dimostrarci accoglienti) che è ben voluto, che non è e non sarà giudicato.

L'articolo originale prosegue alla pagina: www.comunicareinfamiglia.com/index.php/item/99-ascoltare-o-dare-consigli

 

16/1/2013

14/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti caratteristiche di sviluppo non è di solito presente in un bambino di cinque mesi compiuti?
Emette piccole risa
Sorride ai visi sorridenti
Si osserva le mani
Gioca seduto sul pavimento o nel box