ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Cambiamento dell'asilo nido

Potrà essere traumatizzante per mio figlio di due anni cambiare l'asilo nido?

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Vorrei sapere se per un bambino di due anni potrebbe essere problematico cambiare nido dell'infanzia adesso (dopo 5 mesi di assidua frequenza) visto che ho necessità grave di inserire i miei due bambini nella stessa struttura. Potrebbe essere necessario un nuovo inserimento? Avrà problemi a cambiare le maestre? Il bambino comunque non ha mai manifestato difficoltà a frequentare il nido se si tralascia la separazione da me la mattina quando lo lascio per andare al lavoro (ma il pianto dura pochi minuti).

Le difficoltà che può incontrare vostro figlio derivano in parte dall'età: a due anni il bambino si attacca fortemente agli adulti di riferimento. Questo comportamento cambia del tutto dopo i 3 anni. E' assolutamente normale che la perdita dell'insegnante come figura di riferimento sia risentita da vostro figlio.

Non sarebbe tuttavia saggio permettere a vostro figlio di tiranneggiarvi a questo riguardo. Qualora abbiate dei buoni motivi per cambiare struttura, la cosa migliore è farlo senza per questo sentirvi colpevoli nei suoi riguardi. Il fatto stesso che voi genitori siate in ansia per il trauma che può subire, influenza il suo comportamento. I bambini sono estremamente sensibili agli atteggiamenti degli adulti.

Se voi avete fiducia nella maniera di badare al bambino della vostra nuova insegnante, egli si sentirà molto più tranquillizzato. Se avvertirà delle vostre inquetudini, sarà assai probabile che faccia delle scenate. Quindi, se vi comporterete con calma, non lasciandolo interferire nelle vostre esigenze, vi accorgerete che vostro figlio sommonterà questa difficoltà via via che, insieme con l'età, aumenterà la sua maturità affettiva.

 

17/6/2010

24/2/2017

I commenti dei lettori

IN MERITO PROPRIO AL CAMBIAMENTO DELL'ASILO NIDO A 2 ANNI, E' IL SECONDO "TRAUMATICO" GIORNO PER IL MIO PICCOLO DI 22 MESI. CONTRO OGNI MIA ASPETTATIVA (VISTO CHE L'INGRESSO AD UN ANNO NEL VECCHIO ASILO NON ERA STATO UN PROBLEMA PER LUI!!!) PER 2 GIORNI HA URLATO UN'ORA INTERA. ORA SPERO SOLO CHE PIAN PIANO QUESTO SUO PIANTO VADA DIMINUENDO OPPURE CREDO CHE QUALCHE SENSO DI COLPA...

gabriella (MT) 03/08/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cambiamento dell'asilo nido"

Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Scuola materna, scuola elementare
Secondo voi è importante scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare? I consigli della psicologa.
E' al secondo anno di scuola materna, ma piange al solo pensiero di andarci
Continua a fare i capricci per andare alla materna anche se è al suo secondo anno di scuola.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
Asilo nido o baby-sitter?
È meglio cercare una baby-sitter e aspettare che il bimbo sia un po' più grande e mandarlo all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Piange perché non vuole andare alla scuola materna
Non vuole andare alla scuola materna e piange. I consigli dello psicologo per aiutarlo nell'inserimento.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Genitori e figli giocano
Il gioco tra genitori e figli permette di migliorare la relazione familiare.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
Strofulo
Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti.
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita