ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Come facilitare il dialogo in famiglia

Cambiare ambiente può facilitare il dialogo. Quello che non raccontiamo in casa, ecco che viene fuori improvvisamente al ristorante, per strada, al supermercato. I consigli dello psicologo.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

In una pizzeria, una famiglia sorridente che conversa animatamente. Guarda un po’. E a casa è lo stesso? Non sempre. Una mamma raccontava che per parlare con il figlio adolescente usciva in auto con lui. 

In quelle occasioni il figlio parlava e parlava, altrimenti molto poco. Quella donna aveva trovato la chiave giusta per aprire la confidenza del figlio. Ognuno ha le sue preferenze e la sensibilità per aprirsi come e dove vuole.

Il contesto è un elemento importante della comunicazione. “Il modo in cui un messaggio verrà interpretato dipende anche dal contesto in cui avviene la comunicazione, cioè dal luogo e dal momento in cui il messaggio viene trasmesso, dalla storia passata di chi parla e di chi ascolta, dalla relazione tra loro e dalla conversazione in atto” (G. Lo Iacono, D’amore e d’accordo, Erickson, p 95).

Il contesto in casa si ripresenta più o meno simile nel tempo. Si ripetono azioni, domande, risposte, come in un copione già noto, sebbene le novità non manchino.

“Usciamo insieme?”, “Sì! Volentieri!”; e come per incanto cambia lo scenario interiore. In pizzeria, in auto per un giro senza scopo di acquisti o commissioni varie, una passeggiata, ed ecco che la conversazione sboccia.

I ragazzi sono di buon umore e cominciano a chiacchierare magari animatamente e chiassosamente: in questo caso non mortifichiamoli, siamo fuori a posta anche per facilitare la comunicazione…!.

Perché capita? Perché cambia il contesto. Siamo sensibili agli stimoli esterni visivi, uditivi, olfattivi. Gli stimoli della casa in cui viviamo li conosciamo, e reagiamo quasi automaticamente, senza neppure pensare.

Cambia il contesto, cambiano gli stimoli: altra gente, profumi, viste diverse, persone con cui interagiamo, il cameriere, le persone che incrociamo per strada, un negozio che ci attira, l’odore della pizzeria. Questi elementi possono facilitare la comunicazione.

Quello che non avremmo forse mai detto in casa nostra, ecco che viene fuori improvvisamente al ristorante o per strada o al supermercato. Se ci sono difficoltà di comunicazione, se il dialogo è un po’ arrugginito e il morale è un po’ giù, usciamo insieme dove può piacere a tutti e riscontreremo l’efficacia del cambiamento.

29/8/2012

18/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come facilitare il dialogo in famiglia"

I problemi dell'adolescenza
Nell'adolescenza l'individuo cerca di adattare la personalità alle nuove condizioni prodotte dalle trasformazioni fisiche.
Il significato di "crisi" in adolescenza
La crisi adolescenziale si caratterizza per due processi psicologici fondamentali: la separazione e la individuazione.
Figli che non parlano con i genitori
Che fare se i figli non vogliono parlare con i genitori? I consigli dell'esperto per creare le situazioni adatte alle conversazioni con i propri figli.
Ascoltare i figli e dialogare
E' meglio incoraggiare il dialogo e l'ascolto con i propri figli, anziché bloccare la conversazione con un giudizio.
Pubertà precoce
Pubertà precoce significa avere dei segni della pubertà (aumento di volume delle mammelle o dei testicoli) prima dell'epoca normale.
Educare i ragazzi a una lettura e ad una comunicazione competente
Alcuni suggerimenti per educare i ragazzi a una lettura e a una comunicazione più competente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.
Test di Coombs in gravidanza. Se positivo, che rischi ci sono?
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa