ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Conflitti in famiglia

Come riuscire a risolvere alcuni conflitti banali ma frequenti all'interno della famiglia. I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Mancano poche ore alla partenza. Bagagli in fase di allestimento. I bambini che corrono per casa eccitati per il viaggio imminente. L’auto è a posto, l’abbiamo fatta vedere dal meccanico che ha sistemato alcune cose.

Una copia delle chiavi di casa alla signora della porta accanto; non si sa mai, e poi viene a dare l’acqua alle piante. “Giorgio, telefona all’albergo per dire a che ora arriviamo…”. “Lucia, hai preparato i panini per il viaggio?”. “Sì sì tutto a posto”.

L’itinerario più breve, già studiato, ecco qui la carta: da Milano, poi Verona, Trento, su al Brennero, poi…”Giorgio, l’hai rinnovata la tua carta d’identità?”. “Perché? Rinnovata?...Cosa c’è?”. “Ma non ti ricordi che qualche settimana fa ti avevo detto che scadeva proprio in questi giorni…”.

Giorgio comincia ad allarmarsi, cerca la sua carta d’identità, la trova e legge la data di scadenza…”Accidenti! E’ vero! E’ scaduta!!”. “Ecco, sei sempre il solito ritardatario. E adesso cosa facciamo?! Dovevi pensarci prima, no!!!!”.

Eh sì, è vero, Giorgio doveva pensarci prima, ma non lo ha fatto. E adesso? Non resta che risolvere il problema, che è l’unica cosa che veramente serve in quel momento. Non serve invece recriminare sulla dimenticanza dell’altro che non può fare più nulla per evitare un’omissione…del passato.

“Dovevi pensarci prima” vuol dire che era tuo dovere pensarci in tempo e non dimenticartene. Esprime una regola di comportamento, il mio giudizio su come avresti dovuto comportarti, la mia critica e il disappunto perché non hai fatto come avresti dovuto.
 
Che beneficio ne traggono i nostri protagonisti? Probabilmente l’irritazione di entrambi, l’umiliazione di Giorgio, l’aria interrogativa dei bambini che hanno assistito alla scena e il problema ancora irrisolto.
 
Controllare il disappunto, ricordarsi che tutti siamo soggetti a dimenticanze, mettersi nei panni dell’altro che si sentirà uno straccio, suggerirà frasi più costruttive. “Dai... domani mattina andiamo all’anagrafe a rinnovare la carta e poi partiamo, non è la fine del mondo se rimandiamo la partenza di mezza giornata…”.

29/8/2012

26/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Conflitti in famiglia"

Come facilitare il dialogo in famiglia
Se ci sono difficoltà di comunicazione, se il dialogo in famiglia è un po' arrugginito, è importante cambiare ambiente per sbloccare la situazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare