ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Crisi d'angoscia

Le crisi d'angoscia sono una normale fase della vita di un bambino, nella quale il piccolo sperimenta la paura di staccarsi dalla madre. E il sonno diventa un distacco per lui angosciante.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Il mio bambino di 6 mesi è un bimbo tranquillo, ma da circa 1 mese si sveglia due o tre volte nel cuore della notte urlando disperato. Non un lamento, ma un vero e proprio urlo di spavento. Riesco a calmarlo solamente accarezzandolo e parlandogli dolcemente oppure coccolandolo in braccio qualche minuto. Ho provato a controllare tutte le condizioni "esterne", quali sofferenza fisica (freddo, caldo, dolori di pancia, dentini, pannolino bagnato, fame. ecc.), ma anche se tutto questo è a posto la cosa si ripete sistematicamente. A cosa è dovuto questo comportamento e come posso comportarmi perché torni a dormire tranquillo tutta la notte? N.B. Il nostro bambino ha iniziato lo svezzamento da 1 mese e mezzo e mangia molto volentieri anche la 2° pappa serale.

Quello qui descritto non è un problema di alimentazione o di malattia (presumiamo che il bambino sia stato visitato dal Pediatra e che cresca bene), ma il quadro tipico delle crisi d'angoscia, cioè di una normale fase della vita di un lattante, nella quale il piccolo sperimenta la paura di staccarsi dalla madre. Si chiamano anche "crisi dell'ottavo mese" perché all'incirca verso questa età (ma anche prima, come si vede) il lattante mostra i segni di una paura che prima non aveva:

  • non sorride più con gli estranei
  • piange quando il Pediatra lo visita
  • si fa più fatica a fargli prendere sonno
  • si sveglia più volte durante la notte e non vuole riaddormentarsi (e le prova tutte per stare sveglio: piange, vuole giocare, cerca da mangiare o da bere).

Perché fa così?

Secondo Spitz, lo psicologo infantile che per primo ha studiato l'argomento, è perché ha individuato nella madre l'oggetto del suo amore e non vuole perderla; si calmerà quando imparerà che tutto ciò da cui si stacca addormentandosi lo ritroverà al mattino al risveglio. Ma ci vuole tempo e pazienza! Una cosa è sicuramente utile: la routine. Essere abitudinari negli orari, fare sempre le stesse cose prima di addormentarlo (es., bagnetto, fiaba, passeggiata, coccole), evitare giochi troppo agitati alla sera (che invece è il momento in cui il papà lo strapazza di più), sono tutte cose che aiutano a passare una notte più tranquilla.

1/10/1996

14/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Crisi d'angoscia"

Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Crisi nervose
Crisi nervose: nel periodo che va dai due ai tre anni i bambini vivono una fase evolutiva particolare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte