ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il desiderio di imparare si apprende in famiglia

Come trasmettere ai ragazzi l'idea che l'apprendimento ci apre alla vita e che possiamo imparare a tutte le età.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Il desiderio di imparare si apprende in famiglia, dall'atteggiamento di ricerca, curiosità che dimostrano gli adulti. Imparare sempre è un strada che ci fa restare giovani interiormente e aperti alla realtà che, anche se vivessimo moltissimi anni, resterebbe per noi quasi del tutto inesplorata.
Anche lo stimolo alla lettura nasce in famiglia, con l'esempio dei  genitori.

Parliamo in casa dell'apprendimento in senso positivo e migliorativo. Il papà ad esempio può raccontare quello che ha imparato al lavoro. Da ogni persona, dalle situazioni, dai problemi che si presentano possiamo imparare molte cose. Ce ne rendiamo conto? Impariamo a trasmettere questa cultura dell'apprendimento ai nostri figli. Anche la mamma impara cose nuove ogni giorno.

Lei incrementa un patrimonio di conoscenze che riguardano il minuto mantenimento, i particolari nascosti di cui i familiari fruiscono senza conoscere il lavoro e la ricerca che ha comportato quel risultato. Se la mamma racconta le sue scoperte, le invenzioni, i nuovi ritrovati, i posti dove acquistare meglio, il consiglio ricevuto dalla signora che ha incontrato al supermercato, trasmette ai figli (e al marito) non solo nuove, utili conoscenze, ma anche l'atteggiamento di apprendimento.
Parliamo di scuola con i nostri figli e forse loro sbuffano e vogliono cambiare argomento.

Possiamo ragionare con loro per suggerire motivi validi e pensieri gratificanti riguardo allo studio e al mondo scolastico. I ragazzi in genere sono molto sensibili alle relazioni sociali, quindi cominciamo a parlare dei loro amici, dei compagni di studio.

C'è inoltre da affrontare anche la paura non espressa. Andiamo incontro ai timori dei nostri figli parlandone, cercando di stimolare la conversazione anche su questo aspetto. Se loro manifestano le loro perplessità e i loro timori, prima di prodigarci in esortazioni, consigli, rassicurazioni, ascoltiamoli bene.

I figli devono percepire che io adulto li ascolto con interesse e rispetto e dico a mia volta quello che mi sembra, senza giudicare. Posso raccontare l'esperienza di qualche mio timore nell'ambiente professionale e il modo in cui l’ho superato. Per il ragazzo è di sostegno constatare che anche gli adulti provano le loro paure, le affrontano e cercano di superarle.

Se arrivano nuovi insegnanti, cerchiamo di conoscerli presto assieme ai nostri figli. Prima che l'immaginazione o le voci di corridoio rappresentino come scostanti questi personaggi ancora sconosciuti, cerchiamo di avvicinarli. Presentiamoci con un bel sorriso, raccontando qualche cosa sulla nostra famiglia; dimostriamo (non solo formalmente) cordialità, apertura e disponibilità a collaborare, senza però dilungarci troppo. La prima impressione ha il suo peso e facciamo in modo che sia positiva.

30/10/2013

6/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il desiderio di imparare si apprende in famiglia"

Rapporti tra genitori, figli e insegnanti
E' importante migliorare i rapporti tra genitori, figli e insegnanti per raggiungere insieme nuovi obiettivi e ottenere risultati personali soddisfacenti.
A scuola si mette a piangere
Come posso aiutarla a superare le prime difficoltà scolastiche? Quando non riesce a fare una cosa a scuola si mette a piangere.
Primo giorno di scuola
Quali possono essere le accortezze da mettere in atto per far vivere in modo sereno ai propri figli l'ingresso nella scuola elementare?
Dislessia
La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente.
Si distrae quando fa i compiti
Insegniamo ai nostri figli, fin da piccoli, a trovare un metodo di studio efficace. Ricordando che la collaborazione fra mamma e papà non deve mancare.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.
Le fiabe e il mondo emotivo dei bambini
La lettura delle fiabe, dei racconti o delle poesie diventa la via maestra per entrare in contatto con il mondo emotivo dei propri figli.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
Le principali tappe dello sviluppo del bambino
Le principali tappe dello sviluppo neuro-motorio e cognitivo del bambino da 2 a 12 mesi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa