ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

La fobia: ha paura di tutto

La fobia è una paura eccessiva ed immotivata .Nei bambini una fobia può manifestarsi con crisi di pianto, scoppi di ira o con l'aggrapparsi fortemente a qualcuno.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono mamma di Sara una bimba di due anni. Sara sta attraversando, credo, un periodo di "crisi" in cui è spaventata da tutto. L'abbiamo portata al mare e a lei non è piaciuto, l'ha innervosita molto ed inoltre si è spaventata per una forte grandinata. Ora non vorrebbe mai uscire, non vuole salire in auto, non vuole stare in posti in cui c'è un po' di gente. La mia bimba parla molto e bene, per cui noi solitamente le chiediamo se ha voglia di uscire, lei piange e dice: "No, stiamo a casa, mamma". Se le dico che io ed il papà usciamo lei controbatte: "Sara, sta a casa sola". Abbiamo anche provato ad uscire e socchiudere la porta e lei è stata in casa senza richiamarci. Non vuole più assolutamente farsi lavare i capelli, ogni giorno appena rincaso dal lavoro la prima cosa che mi chiede e se le lavo i capelli, ogni volta che glieli lavo sono pianti interminabili con tanto di lacrimoni. Poi a volte mi dice che va via da casa e non torna più. Prima delle vacanze non si è mai comportata in questo modo. Inoltre ha perso l'appetito. Al mare ha fatto una settimana mangiando solo latte, poi pian pianino qualcosina mangiava (solo cose tritate fini), pensavo che tornando riprendesse a mangiare con il solito ritmo (anche se non è mai stata mangiona) ma sta mangiando veramente poco. Non so cosa fare, se sforzarla o lasciarla tranquilla un po'. Non so come trattarla, ora come sempre fino ad ora, usiamo la dolcezza, cerchiamo di spiegarle tutto, ma non mi ci raccapezzo più.

La fobia è caratterizzata da una paura o da una repulsione angosciante, specificamente legata alla presenza di un essere o di un oggetto o di alcune situazioni, i cui caratteri non giustificano una tale emozione. Nella teoria psicanalitica la paura è un sintomo che si sostituisce al sentimento di un grave pericolo interno; questo pericolo interno è a sua volta frutto di un conflitto incosciente, dovuto a desideri fortemente colpevoli, ed è rimpiazzato da un sentimento di pericolo esterno che ha il vantaggio di poter essere evitato o con la fuga o con il rifiuto. La fobia ha un valore simbolico, è un transfer dal conflitto interno a persone esterne, oggetti, situazioni (paura di dormire soli, paura del temporale, del bagnetto o dell'acqua, di ambienti nuovi, di uscire all'esterno ecc...).

In altre parole, il bambino proietta su una situazione esterna, che non c'entra, un problema di conflitto che ha dentro di sé e che è difficile esprimere o confessare; ad esempio, una gelosia per un fratellino, un sentimento di aggressività verso la mamma, un desiderio fisico verso un genitore. La paura è irreprimibile e tentare di vincerla con la forza conduce a vere crisi di terrore. Le fobie o paure sono un sintomo frequente e comune che costella la vita del bambino piccolo, sono poco importanti e passeggere: Essendo episodi perfettamente normali dello sviluppo affettivo, meritano una attenzione ed eventuale terapia se persistessero negli anni verso l'età del bambino più grande.

L'atteggiamento dei bambini davanti alle loro fobie è variabile:o ne parlano esplicitamente, se ne lamentano violentemente ed ottengono consolazione e sostegno da parte dei genitori con la loro presenza, il loro affetto di carezze e coccole, la loro rassicurazione con la parola, oppure tentano di dissimulare la paura come se ne vergognassero. Le paure recedono tanto più rapidamente quanto più i genitori le comprendono, le sopportano con amore, le accompagnano con i sentimenti e gli atteggiamenti sopradetti. Mai usare mezzi coercitivi o intimidatori che potrebbero rinforzare e fissare l'angoscia nel subconscio del bambino.

1/10/1997

2/1/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta