ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Gioca con i nostri capelli

Il mio bambino ha il vizio di giocare con i nostri capelli. Non bisogna preoccuparsi troppo, dato che questa abitudine non porterà alcun danno. I consigli per aiutarlo a superare questa fase.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Il nostro bimbo di tre anni ha il vizio di torcere e giocare, anche con forza, con i nostri capelli. Questo succede da quando è nato e in momenti precisi: durante l'allattamento o quando beve al biberon e mentre sta per addormentarsi o sta per svegliarsi. Ci sono delle motivazioni precise?

Non bisogna preoccuparsi troppo, dato che questa abitudine non porterà alcun danno. Si tratta di un'abitudine paragonabile a quella di succhiarsi il pollice. Aiuterete vostro figlio facendogli fare piccoli giochi con le dita e dandogli tanti oggetti per occupargli le mani ed allo stesso tempo insegnandogli molte poesie e molti canti infantili per comunicargli il piacere della parola. Non bisogna eliminare l'abitudine con mezzi diretti, né rimproveri. L'abitudine sparirà, purché voi non le diate rilevanza particolare. La maggior parte di queste abitudini spariscono quando il bambino esce dalle crisi importanti di questi primi anni, purché abbia un affetto stabile, delle occasioni di agire, fare, imparare e giocare.

21/3/2003

20/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gioca con i nostri capelli"

Perdere i capelli quando si allatta
Perdere i capelli quando si allatta è una conseguenza del mancato influsso positivo degli ormoni della gravidanza.
Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà
Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto.
La permanente ai capelli durante la gravidanza
Durante il corso della gravidanza è opportuno non tingersi i capelli. Si può ricorrere a tinture a base di sostanze vegetali come la camomilla o l'hennè.
Alopecia: perdita dei capelli
La alopecia o perdita di capelli nei bambini è dovuta a molteplici fattori in età pediatrica, fra cui traumi ed in particolare tricotillomania.
Infezione da tigna
L'infezione da tigna è una comune infezione dermatofitica in età pediatrica. Purtroppo il suo decorso è piuttosto lungo.
Ha paura degli estranei
A 16 mesi piange quando incontra persone che non conosce. E' necessario rassicurare la bambina e dimostrarle che l'estraneo non è pericoloso.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita