ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Gioca dando schiaffi e calci

Siamo preoccupati perché nostro figlio di due anni sembra fare amicizia e gioca usando schiaffi e calci. I consigli della psicologa su come superare questa fase.

a cura di: Dott.ssa Maria Rita Esposito (psicopedagogista)

Ultimamente mia moglie è estremamente preoccupata in quanto, il nostro primogenito di due anni e mezzo, sembra fare amicizie con gli altri bimbi/e usando schiaffi e calci. A dir la verità io non mi preoccupo più di tanto, perché alle volte può anche riceverli dagli altri bambini, a prova che sia tutto naturale. Nonostante tutto, però, la mamma pensa a quando, tra pochi mesi, andrà la prima volta all'asilo. Ha paura che possa malmenare gli altri bimbi, e che magari possa crearci qualche problema. Cosa fare?!?

E' quella la fase dai 2 ai 3 anni in cui i piccoli sperimentano in modo attivo i loro spazi e le loro capacità rispetto a quanto li circonda. Tendono a imporre la loro personalità: è infatti anche la  fase del “E’ tutto mio!”.

Si tratta di una fase fisiologica che, ovviamente, se da un lato non deve allarmare il genitore, preoccupandolo in eccesso, dall’altro lato va mediata dall’adulto di riferimento, affinché non si creino spiacevoli situazioni in cui una delle due parti (i bambini che litigano) ne abbia la peggio, ad esempio facendosi del male.

E per l’ansia della scuola non se ne preoccupi: gli insegnanti hanno grandi e positive competenze per orientare i comportamenti inadeguati dei bambini, dando regole di convivenza che gradualmente anche il suo primogenito accetterà.

Osservate con cura la situazione, le mamme sono le nostre migliori osservatrici: il piccolo potrebbe risentire anche (se lei mi dice essere un primogenito!) della presenza del fratellino che immagino sia nato da poco, vissuto come intruso e come tale, non potendo data la delicata età del neonato elicitare la rabbia su di lui, lo fa verso altri bambini.

Stategli vicino valorizzando soprattutto il fatto che lui non è il più grande, ma che è anche lui, a soli due anni, un piccolo bambino. Mi faccia sapere e auguri!

13/12/2010

6/6/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gioca dando schiaffi e calci"

Non vuole stare con il papà
Mia figlia è sempre più attaccata a me. Se il papà le si avvicina gli dà schiaffi in faccia. Il consiglio dello psicologo.
Si dà gli schiaffi in faccia
Quando la sgridiamo si dà gli schiaffi in faccia e comincia un pianto nervoso. I consigli di come riuscire a risolvere la situazione.
Molla schiaffoni a tutti
Il mio bambino ha iniziato a dare sonori schiaffoni a chi lo tiene in braccio. I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo