ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Gioca solo con gli adulti

Possono essere diversi i motivi che portano un bambino a preferire e cercare la compagnia degli adulti durante l'attività di gioco. I consigli della psicologa per risolvere la situazione.

a cura di: Dott.ssa Manuela De Blasi (psicologa)

Mia figlia di quattro anni non vuole giocare con i coetanei e i miei tentativi di farle trascorrere più tempo con loro, ludoteche, amichetti vari... si concludono sempre con un attaccamento morboso ad un adulto, spesso un altro genitore che si rende disponibile a giocare insieme. Questo succede da almeno un anno e anche l'inserimento scolastico non ha aiutato in quanto tende a giocare da sola. Preciso che la bimba è comunque a suo agio. Come posso fare?

Caro genitore, mi sembra di capire che la situazione da lei descritta sia ripetitiva e prolungata nel tempo e che siano stati fatti diversi tentativi per mettere sua figlia nelle condizioni di socializzare e giocare con altri bambini della sua età, mentre lei preferisce giocare con gli adulti o da sola.

All’età di tre/quattro anni, i bambini iniziano a cercare attivamente gli altri bambini per giocare insieme. Sebbene stiano ancora imparando a giocare in modo condiviso, rimangono a lungo nella stessa zona di gioco facendo talvolta attività condivise, talvolta attività parallele (che non richiedono una stretta interazione).

Giocare con i coetanei è un’attività molto utile allo sviluppo del bambino perché permette di confrontarsi con i pari, apprendere nel piccolo le regole sociali, imparare a rispettare i turni, gestire la propria rabbia e sperimentare la condivisione.

Tornando alla nostra domanda, possono essere diversi i motivi che portano un bambino a preferire e cercare la compagnia dell’adulto durante l’attività di gioco:

  • alcuni bambini, ad esempio, giocando con l’adulto si sentono più “sicuri” (perché magari a volte hanno un carattere molto timido);
  • altri hanno bisogno di tanta attenzione dal mondo adulto (capita ad esempio in periodi di cambiamento come l’arrivo di un fratellino, un trasferimento, un lutto…);
  • altri semplicemente si divertono di più con l’adulto, perché magari questo tende a seguire i desideri e le “regole di gioco” del bambino;
  • altri ancora cercano l’adulto perché temono il confronto con i coetanei: o perché faticano a capire come stiano giocando gli altri bimbi, o perché i ritmi di gioco degli altri bimbi sono troppo veloci/lenti rispetto ai propri, o perché a volte significa competere con gli altri bambini per decidere chi dirige il gioco e fa le regole.

Dunque non c’è un consiglio valido per tutti i casi, bisogna valutare quali siano i motivi che portano il proprio singolo bambino ad evitare il gioco con gli altri bambini.

Provare, come è stato fatto in questo caso, a creare momenti di gioco con altri bambini è un primo passo molto utile, anche perché permette al genitore di osservare quale possa essere la difficoltà del suo bambino (ad esempio in quale contesti sia più difficile interagire).

Il tentativo successivo potrebbe essere quello di “accompagnare” maggiormente il bambino al gioco con i coetanei nelle modalità che il genitore preferisce. Si può iniziare dall’invitare una volta a settimana un solo amichetto e fare in modo che non ci siano altri adulti disposti a giocare da soli con il bambino.

Si può giocare con i due bambini in modo da mediare eventuali conflitti e aiutare il bambino a rispondere adeguatamente alle richieste di interazione del compagno di gioco.

Si possono creare condizioni di gioco facilitanti proponendo alla coppia di bambini dei giochi da fare in due: ad esempio il telefono fatto da due bicchieri in plastica ed un filo, il memory,  il passarsi un palloncino, le bolle in due e tutto ciò che può venire dalla vostra e dalla loro fantasia…

Se il proprio figlio è restio a giocare con il compagno, si può dire: “Io gioco nella tua squadra, sono con te” in modo che si senta affiancato dall’adulto ma in relazione con l’altro bambino.

Dunque la soluzione non è uguale per tutti, bisogna armarsi di pazienza e cercare di capire la difficoltà del proprio bambino per poi ideare dei personali modi di accompagnarlo nella relazione con i pari, con l’obiettivo che egli acquisisca sempre maggiore desiderio di giocare con i suoi coetanei.

 

28/3/2013

27/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gioca solo con gli adulti"

Un po' di letteratura
Il gioco nella letteratura. Una poesia di Gianni Rodari ed un brano tratto dai "Miserabili" di Victor Hugo.
Giochi on line per bambini
E' opportuna la presenza di un genitore se si decide di consentire l'accesso a giochi di ruolo on line, specialmente se sono cruenti.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.
Progetto "MiVoglioBene": gioco e movimento
Proponi al tuo bambini il movimento preferibilmente sotto forma di gioco e, se possibile, all'aria aperta.
Play Therapy
La Play Therapy è un'efficace forma di terapia per i bambini che si fonda sull'uso del gioco inteso come il mezzo espressione primaria.
Filial Therapy
Secondo il modello terapeutico della Filial Therapy, il gioco è inteso come strumento di terapia, che permette di migliorare il rapporto genitori-figli.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore