ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

A cinque anni è insicuro e facilmente irascibile

Il nostro bambino di cinque anni è insicuro e se non riesce a fare una cosa è subito irascibile. E' un bambino che avrà bisogno di un incoraggiamento per superare le sue insicurezze.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Mio figlio di cinque anni, figlio unico, è un bambino insicuro (se si trova a basket prima di fare quanto richiesto dall'istruttore guarda gli altri, oppure non fa perché dice che non è capace) ed è anche facilmente irritabile (se non trova una cosa o non riesce a fare qualcosa si arrabbia subito). Noi lo sproniamo e lo elogiamo sempre. Come dobbiamo comportarci e che cosa possiamo fare per renderlo più sicuro di sé.

Sarebbe veramente saggio da parte vostra non persuadere il vostro bambino a socializzare a tutti i costi: quando acquisterà più sicurezza in sé, lo farà da solo. È assolutamente necessario che vostro figlio si stacchi dalla figura materna, perché il bambino intuisce rapidamente le nostre preoccupazioni e inconsciamente assorbe le vostre insicurezze. Inizierei ad invitare i compagni di gioco a casa affinché si abitui gradualmente ad una vita per conto suo e con dei veri amici personali. Ad ogni modo è certo che vostro figlio avrà bisogno di un incoraggiamento per superare le sue insicurezze.

Per quanto riguarda il suo comportamento irascibile, dipende molto se voi lo sgridate o lo incitate a parlare con gli altri. Sono certo che tali rimproveri non portano ad un aiuto per il bambino. Un altro timore che prova vostro figlio è quello di dispiacervi e di perdere il vostro amore. Se vi fosse possibile evitate qualunque rimprovero, qualunque sgridata e lasciatelo libero di parlare o di non parlare, giocare o di non giocare con gli altri, continuando a fornirgli le occasioni e ad essere voi stessi socievoli con gli altri bambini.

10/1/2003

18/5/2017

I commenti dei lettori

Salve ho un bambino di quasi 5 anni ,mio figlio e molto movimentato all'ora di pranzo non vuole mangiare e inizia a gridare e piangere perche vuole vedere i cartoni e io nn glieli faccio vedere cosi finisce per non mangiare la sera la stessa cosa ,poi alza le mani urla cosa posso fare? la notte si alza da quando l'abbiamo spostato nella stanzetta almeno 3 volte cosa posso fare?

maria (CT) 24/09/2012

Ciao mio figlio di 5 anni non socializza facilmente e spesso si arrabbia e si offende facilmente.Ieri ho invitato amici di scuola a casa ha giocato tanto sembrava che andava tutto bene pero dopo si e messo a piangere e non smetteva piu diceva che non voleva stare con loro,pero era anche molto stanco.Si offende facilmente non possiamo neanche ridere perche lui si arrabbia.L'anno scorso a scuola non voleva giocare con nessuno invece quest'anno la maestra ha detto che gioca tanto e che a scuola si comporta molto bene.Lui ha adenoidi grandi deve essere operato respira molto male,non so se questo nervosismo potrebbe dipendere dal fatto che lui non respira bene.E un bimbo molto dolce pero si irrita facilmente piange e urla.Non so come mi devo comportare sono molto preoccupata e lo vorrei tanto aiutare

Anna (NA) 12/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "A cinque anni è insicuro e facilmente irascibile"

Subisce le aggressioni, ma non reagisce
Subisce le aggressioni fisiche degli altri bambini senza riuscire a reagire. Vorrei un consiglio su come insegnarli a difendersi.
Bambino timido
Mentre a casa è vivace ed allegro, alla scuola materna è timido e non partecipa ai giochi.
La timidezza nei bambini
E' assolutamente normale che i bambini siano timidi, ma quando e come aiutarli? I consigli della Pediatra.
Ha difficoltà nel socializzare
Mio figlio di cinque anni spesso si avvicina ad un gruppo, ma viene respinto. I consigli dello psicologo.
È un chiacchierone a casa, ma alla materna è timido
A casa è un chiacchierone, ma a scuola è molto timido. È una timidezza che passerà quando diventerà più grande? I consigli per rargli superare questa fase.
Non sa giocare con gli altri bambini
Anche se frequenta l'asilo nido, non sa giocare con gli altri bambini e preferisce stare con gli adulti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: la mamma che allatta
L'allattamento al seno è bello e utile, ma come fare? I nostri consigli alla mamma che allatta un neonato.
Ecografia morfologica in gravidanza
L'ecografia morfologica è finalizzata allo studio delle strutture anatomiche fetali per lo screening o la diagnosi delle malformazioni fetali.
Mio figlio potrà diventare allergico al gatto?
Avendo in casa un gatto, ci sono delle precauzioni da adottare per evitare, o almeno diminuire, le possibilità che il bimbo sviluppi un'allergia?
E' angosciata dalla scuola materna
Questa bimba ha bisogno, più degli altri, dell'asilo: deve imparare a contenere le sue crisi d'angoscia.
Il raffreddore nel bambino piccolo
Il neonato o il bambino piccolo soffrono particolarmente di raffreddore per via della ostruzione delle vie nasali.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno