ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Educare i ragazzi a una lettura e ad una comunicazione competente

I ragazzi non sanno ascoltare, leggere, scrivere ma anche parlare in modo corretto. Alcuni suggerimenti per educare i ragazzi a una lettura e a una comunicazione più competente.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Uno degli allarmi che arriva da insegnanti e presidi riguarda la capacità di lettura degli studenti delle scuole superiori spesso compromessa da un’ abitudine a una comunicazione veloce, per immagini. Ragazzi che non sanno più ascoltare, leggere, scrivere ma anche parlare in modo corretto, dotati di un vocabolario ridotto e strutture sintattiche elementari.

"È un problema segnalato da molti, non soltanto insegnanti e non soltanto in Italia - dice Duccio Demetrio, docente di filosofia dell'educazione all'Università Bicocca di Milano -. La deconcentrazione continua è una vera patologia: i ragazzi sono sottoposti a ripetuti attraversamenti di altri linguaggi". (Cristina Taglietti, Spegnete sms e tablet, Corriere della Sera-la lettura, 23. 09. 2012).

  • Quando si parla o si legge insieme qualche cosa, far tacere altri mezzi di comunicazione in funzione in quel momento (musica, tv, radio).
  • Facilitare momenti di silenzio e di  solitudine, per favorire la continuità della lettura. Insegnare a rimandare le interruzioni e a dominare l'impazienza.
  • Leggere ad alta voce in famiglia e commentare anche una semplice notizia. Far percepire come il tono della voce possa contribuire a far apprezzare il contenuto di un testo.
  • Chiarire il significato delle parole. “Che cosa intendi quando dici...?".
  • Portare a termine una frase, un discorso iniziato. Nella conversazione con loro aiutarli a far uscire tutto il loro pensiero:  “Vorrei capire: intendi dire che...".
  • Rallentare il ritmo della conversazione. Invitare il ragazzo a esprimere anche i passaggi logici intermedi tra un pensiero e l’altro.
  • Invitare i ragazzi a concentrarsi su una cosa alla volta. “Mi aiuti a scrivere una lettera al presidente della circoscrizione? Voglio fargli presente il problema delle zone verdi per le famiglie”.
  • Fare della scrittura l'espressione di un pensiero controllato, anziché simultaneo. Esercitare l’abilità di scrivere in modo corretto una lettera, una comunicazione.

16/10/2013

10/3/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Educare i ragazzi a una lettura e ad una comunicazione competente"

Pubertà precoce
Pubertà precoce significa avere dei segni della pubertà (aumento di volume delle mammelle o dei testicoli) prima dell'epoca normale.
I problemi dell'adolescenza
Nell'adolescenza l'individuo cerca di adattare la personalità alle nuove condizioni prodotte dalle trasformazioni fisiche.
Il significato di "crisi" in adolescenza
La crisi adolescenziale si caratterizza per due processi psicologici fondamentali: la separazione e la individuazione.
Figli che non parlano con i genitori
Che fare se i figli non vogliono parlare con i genitori? I consigli dell'esperto per creare le situazioni adatte alle conversazioni con i propri figli.
Ascoltare i figli e dialogare
E' meglio incoraggiare il dialogo e l'ascolto con i propri figli, anziché bloccare la conversazione con un giudizio.
Tu adesso non lo capisci, lo capirai più avanti
E' meglio incoraggiare la comprensione e il buon ragionamento, attraverso il dialogo anziché dire: "adesso non lo capisci, lo capirai più avanti".
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Diabete insipido
Il diabete insipido è dovuto alla mancanza di un ormone, la vasopressina. Si manifesta con l'aumento della quantità di urine e aumento della sete.
La gestosi
La gestosi è una malattia che compare esclusivamente in gravidanza con gonfiore, aumento della pressione, mal di testa e problemi renali.
Neonato mancino?
Il neonato non è né mancino né destrorso: è ambidestro, in quanto non si è ancora imposta una prevalenza di un emisfero cerebrale sull'altro.
Asfissia intrapartum
L'asfissia intrapartum può essere causa di paralisi cerebrali, ritardo mentale, epilessia, oltre che a deficit neurologici minori.
Circonferenza del cranio nel neonato
La circonferenza del cranio deve essere regolare per velocità di accrescimento e per dimensioni in base all'età del bambino.

Quiz della settimana

Come viene diagnosticata la fibrosi cistica o mucoviscidosi?
Con un esame del sangue
Con un esame sulle feci
Con il test del sudore
Con un esame delle urine