ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Litigi tra fratelli

Cercate di incoraggiare i fratelli che litigano a discutere e risolvere i problemi tra loro, non permettete che si picchino, che rompano oggetti, che si scambino improperi.

a cura di: Dott. Leo Venturelli (pediatra)

Sentire litigare e discutere animatamente dei fratelli è una cosa comune, facile, scontata: tra fratelli ci si arrabbia per situazioni banali, come il posto sul divano, il bagno sempre occupato, l'ultima fetta di dolce, un giocattolo che non si vuole condividere. È inevitabile che queste cose succedano tra fratelli: si passa da momenti di solidale alleanza e amicizia a situazioni di accesa ostilità.

Questa ambivalenza tra amore e odio fa parte del vivere a stretto contatto nell'ambiente familiare, ma a volte c'è pure la competizione a fare da molla allo scontro per apparire migliori davanti ai genitori e per ottenerne dei vantaggi. Il lato positivo della rivalità tra fratelli è che l'ambiente familiare diventa una palestra in cui i giocatori imparano a condividere, a far valere i propri diritti, a essere a volte egoisti, altre volte generosi.

Che fare quando i figli litigano tra loro?

  • Incoraggiateli a discutere e risolvere i problemi tra loro
    Stabilite delle regole: "discutete pure tra voi, ma non picchiatevi, non dite parolacce, non distruggete le cose che vi stanno intorno". Se voi genitori tendete a intervenire nelle loro beghe, sarete sempre più invischiati nelle discussioni e nei litigi. Finché è possibile, mantenetevi al di fuori, almeno fino a quando ci si limita ai battibecchi. Lasciateli litigare, non passate la vita a cercare di essere i giudici delle controversie dei figli; a loro serve l'indipendenza per imparare a negoziare, a discutere e a mettersi d'accordo. Se però avete dei figli piccoli, ancora in età prescolare e uno dei due è molto aggressivo, è bene vigilare per impedire che il più debole venga picchiato, visto che a questa età i bambini non hanno ancora la misura dei loro gesti.
  • Cercate di tenervi fuori dalle loro discussioni, se vengono a frignare da voi
    Lasciate che se la cavino da soli. Aiutateli soltanto ad affrontare in modo giusto la discussione: per questo insegnate loro a esporre bene i propri punti di vista, a rispettare l'altro mentre parla, a non interromperlo almeno per uno o due minuti. Non cercate di individuare subito chi tra i due ha cominciato per primo, chi è il colpevole, chi ha ragione, a meno che sia tutto molto evidente. Evitate di fare domande: spesso può essere controproducente perché potrebbero inventarsi delle storie, mentire sulle cose dette o esagerare le situazioni.
  • Se una disputa diventa troppo violenta, intervenite
    Se li sentite gridare in camera loro, avvisateli che non siete disposti a sentire i loro litigi così pesanti, convinceteli ad abbassare la voce e a provare a discutere senza gridare. Se non riuscite nel vostro intento, divideteli mandandoli in due stanze diverse. Se la discussione è legata alla TV, spegnetela; se la disputa riguarda l'uscire di casa per giocare, sospendete per entrambi l'uscita.
  • Non permettete che si picchino, che rompano oggetti, che si scambino improperi
    Siate il più possibile imparziali. Se si stanno picchiando, mandateli in stanze separate, indipendentemente da chi avete scoperto a menar le mani: questi potrebbe non essere la persona che ha la responsabilità di aver iniziato il litigio. Non dovrete acconsentire che si prendano in giro con soprannomi come "ciccione, puzzone, mongoloide": tali commenti sono dannosi per la loro crescita psicologica, che va consolidandosi giorno dopo giorno.
  • Sospendete qualsiasi discussione che si verifica in pubblico
    Per strada, al cinema, al parco evitate che i fratelli litighino, dite loro che danno fastidio agli altri. Se continuano, separateli, per esempio sedendovi tra i due. Se continuano ugualmente, allontanateli in posti diversi. Se hanno un'età superiore a 5-6 anni, invitateli a smettere, altrimenti applicate un castigo una volta ritornati a casa. In alcuni casi potrà capitare che dovrete sospendere la passeggiata o l'uscita e riportarli a casa.
  • Proteggete la privacy, le amicizie, gli oggetti di ciascun figlio
    Quando i bambini discutono sui giochi, e tutti e due ne vogliono uno, favorite l'effettivo padrone del giocattolo. Fate però notare ai bambini che giocare insieme o scambiarsi e condividere i giochi è un bene: questo serve anche quando vengono degli amici a casa, soprattutto per mantenersi le amicizie. Quando il gioco è unico, come un video-game o un gioco da tavolo, insegnate loro a rispettare il proprio turno. Che dire poi dei fratellini che vogliono intromettersi nei giochi dei più grandi? Cercate di farli assistere al gioco, ma senza interferenze tali da compromettere il gioco stesso, altrimenti è meglio che i fratelli più piccoli stiano in un'altra stanza. Se uno dei due o tre fratelli sta studiando, deve avere una spazio apposito per non essere costantemente distratto dagli altri.
  • Evitate i favoritismi
    È estremamente importante che le punizioni per le lotte tra fratelli, in cui voi genitori non avete indovinato il colpevole, siano uguali per tutti; i genitori devono evitare di dar la colpa sempre al più grande, oppure di accusare la sorella invece del fratello, o prendersela con il figlio più vivace. I bambini captano subito se fate dei favoritismi: trattateli sempre per come si comportano in quel momento, evitate di prendere le difese di uno rispetto all'altro, non fate paragoni, non divideteli tra buoni e cattivi. Se vostro figlio vi accusa di favoritismo, ignoratelo e ribadite le regole che avete posto in casa.
  • Prevenite le situazioni in cui potrebbero menar le mani
    Prima di tutto, aiutateli a riconoscere i loro sentimenti. La rabbia può essere espressa senza offendere o picchiare; date loro alternative possibili per discutere senza litigare. Facilitateli a giocare con amici, anche fuori dalle mura domestiche: non pretendete che giochino sempre insieme. Evitate favoritismi verso uno dei due, cercate di parlare separatamente con entrambi ogni giorno e, almeno due volte la settimana, trovate dei momenti in cui far qualcosa singolarmente con ciascuno dei figli. Soprattutto mostrate loro come discutere con voce calma e con tranquillità: cercate di non reagire in modo irato, litigioso, astioso quando discutete coi vostri figli o con altre persone.
  • Lodate i bambini quando si comportano bene insieme
    Fate attenzione ai momenti in cui i vostri figli si comportano bene, giocano insieme amichevolmente: gratificateli per questo con apprezzamenti anche davanti ad estranei, quando possibile. Complimentatevi del fatto che si sono dati una mano e hanno appianato le loro divergenze in modo educato.

Chiamate il pediatra durante le ore di ambulatorio se:

  • non c'è stato miglioramento nei comportamenti dopo aver applicato questi consigli;
  • i litigi sono continui durante tutto il giorno e per tutti i giorni della settimana;
  • notate dei problemi di comportamento in uno o in più figli;
  • uno dei due prende in giro continuamente l'altro;
  • i litigi sono troppo spesso causa di lesioni e ferite.

16/7/2002

6/9/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Litigi tra fratelli"

Figlio unico?
Meglio figlio unico? Vantaggi e svantaggi del dargli un fratellino. I consigli della psicologa.
Gelosia del fratellino
La gelosia per il fratellino è un sentimento normale. I consigli di come gestirla perché non diventi un problema fra di loro.
Il fratellino e la gelosia
È piuttosto comune che un bambino reagisca con gelosia alla nascita di un fratellino con atteggiamenti più o meno aggressivi.
Adottare una bambina dalla nascita
Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita. I consigli di come dirle che stiamo aspettando un secondo bambino.
Una camera in comune per due fratelli
Se non si ha possibilità di spazio, i bambini possono vivere nella stessa stanza: ciò non influenzerà il loro sviluppo emotivo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta