ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Non vuole fare i compiti

Frequenta la prima elementare e le maestre dicono che in classe non ha problemi, ma non vuole fare i compiti nel pomeriggio. I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Luciano Pasqualotto (psicopedagogista della redazione di www.educare.it)

Ho una bimba di sei anni. Frequenta la prima elementare e farle fare la lezione sta diventando molto difficoltoso. All'inizio si lamentava del fatto che alcune maestre fossero troppo severe e che molto spesso urlassero troppo tanto che non voleva più andare a scuola ma poi le cose sono migliorate. Le maestre dicono che in classe non ha problemi e che la bimba è molto taciturna ma quando arriva a casa non vuole fare i compiti. Tutti i giorni mi siedo accanto a lei per farle fare i compiti ma puntualmente fa di tutto per farmi arrabbiare. Alla fine, dopo incoraggiamenti di ogni tipo, mi fa perdere la pazienza e la rimprovero severamente. Vedendo "la brutta parata" piange ma incomincia a fare i compiti e se le dico di chiudere tutto non vuole. Come mi devo comportare? La devo mandare a scuola senza aver fatto i compiti per qualche giorno?

L'ingresso nella scuola elementare rappresenta un momento critico per ogni bambino. I motivi sono molteplici: accanto ai cambiamenti di tempi, spazi e persone, essi avvertono presto, seppur in maniera poco consapevole, la pressione psicologica che deriva dall'esser valutati, e per molti piccoli alunni ciò rappresenta una fonte di preoccupazione.

E' un dato di fatto che ben presto, nella scuola elementare, le produzioni di un bimbo che fino ad allora erano state vissute in modo quasi esclusivamente ludico, ora diventano oggetto di giudizio: valutano le maestre, valutano i genitori, spesso secondo parametri individuali e, non di rado, di non chiara esplicitazione. Ora se è normale che i bambini, affatto abituati alla fatica cognitiva tra le mura di casa, si dimostrino riluttanti nel fare i primi compiti, ciò è ancor più comprensibile quando tali compiti vengono guardati con particolare severità.

Nel suo caso varrebbe la pena, prima di tutto, considerare quanto è in "apprensione" rispetto alle produzioni della sua bambina, che si intuisce essere figlia unica o comunque la maggiore. Le nostre preoccupazioni di genitori rispetto alle prime produzioni dei nostri bambini traspaiono nei discorsi e soprattutto negli atteggiamenti. In altre parole, la prima cosa da fare è abbassare le ansie ed essere rassicuranti, anche a costo di accettare (inizialmente) un lavoro eseguito in modo mediocre, o di interrompere l'attività di fronte ad un'evidente stanchezza.

Se non vi è questo presupposto, l'incoraggiamento che lei mette in atto potrebbe "suonare" come un'aspettativa di perfezione che spesso fiacca la motivazione verso il compito anziché sostenerla. Di certo non abitui la sua bimba ad eseguire i compiti solo se minacciata, perché tale prassi risulterà presto controproducente. Si accontenti, almeno inizialmente, di quello che fa e lo apprezzi apertamente.

Potrebbe, in casi estremi, anche rischiare che la piccola vada a scuola senza i compiti eseguiti, ma solo se ottiene una preventiva collaborazione delle insegnanti. Soprattutto dia tempo alla sua bimba di orientarsi, di comprendere che cosa ci si aspetta da lei, di misurarsi con le aspettative che le vengono indirizzate: è solo all'inizio di un percorso che non le risparmierà le difficoltà ma che comunque rimane necessario ed affascinante.

9/1/2001

6/2/2016

I commenti dei lettori

sono un' insegnante e nel pomeriggio mi occupo di recupero scolastico. c'è una bimba della classe seconda che lavora ma non è autonoma però si impegna ma a scuola non riesce a fare bene e da sola soprattutto di matematica. La madre le ripete sempre che è una scecca e le trasmette tanta ansia e nervosismo. Cosa posso fare?

Federica 19/01/2012

Salve! sono una mamma straniera. ho una figlia di 12 anni me ne sno accorta da poco con le prime veriche delle scuole medie,  che pur studiando tanto ed impegnandosi come non l'aveva mai fatto,i risultati sono deludenti al di sotto della media! A me dispiace perchè studia ore e ore ma arrivano le verifiche orali e scritte o se ne dimentica o sbaglia tutto, Cosa posso fare per lei? come posso aiutarla?

carmencita (FG) 20/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Non vuole fare i compiti"

Dislessia
La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente.
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia, dall'atteggiamento di ricerca, curiosità che dimostrano gli adulti.
Bambina precoce
Come bisogna comportarsi con una bambina precoce? Quali scelte si devono preferire? Come comportarmi per la scelta della scuola?
Scuola materna, scuola elementare
Secondo voi è importante scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare? I consigli della psicologa.
Si rifiuta di andare a scuola
A otto anni si rifiuta di andare a scuola. Come possiamo aiutarla? Come scoprire il motivo del suo rifiuto? I consigli della psicologa.
A scuola si mette a piangere
Come posso aiutarla a superare le prime difficoltà scolastiche? Quando non riesce a fare una cosa a scuola si mette a piangere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Macchie al viso in gravidanza
A partire dal 3°-4° mese di gravidanza è possibile notare la comparsa di piccole macchie marroni sul viso soprattutto nelle donne brune.
Trasposizione delle grandi arterie
La trasposizione delle grandi arterie è una malformazione cardiaca complessa. E' preferibile correggere la lesione attorno all'anno di vita.
A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita