ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

A sei anni non vuole fare nessuno sport

L'attività motoria, soprattutto verso i sei anni, deve avere un carattere essenzialmente ludico. Come convincerlo a fare sport?

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

Mio figlio di sei anni non vuole fare sport. Ho provato ad iscriverlo in piscina, a judo e a calcio, ma tutte le volte manifesta una certa insofferenza verso l'inquadramento in una particolare disciplina. In sostanza, ai giardinetti non ha problemi a giocare e correre con i suoi amici ma, se inserito in un'attività sportiva, anche in compagnia di bambini che già conosce, diventa svogliato perché accetta malvolentieri la presenza di un istruttore e di determinate regole. Come devo comportarmi? Aspettare che maturi oppure insistere anche contro la sua volontà?

Gentile genitore, la ringrazio per la domanda in quanto mi consente di esprimere brevemente il mio parere ad un quesito molto frequente. L'età di suo figlio è di fondamentale importanza per un approccio coerente all'attività motoria. È proprio dai 5 - 6 anni di vita che la capacità di apprendimento (connessa funzionalmente allo sviluppo del sistema nervoso) deve cominciare, con gradualità, ad essere stimolata anche da un punto di vista motorio. Tuttavia il rapporto tra ritmi personali di maturazione e programmazione degli apprendimenti motori è una delle questioni più delicate nell'ambito dell'educazione motoria.

La necessità di definire degli obiettivi comuni in un gruppo di ragazzi omogenei per età e affrontare la disomogeneità nei tempi di apprendimento mette a dura prova le competenze e l'esperienza dell'istruttore. L'attività motoria, soprattutto nell'età di suo figlio, deve avere un carattere essenzialmente ludico (con graduale introduzione di regole rispetto alla reale valutazione evolutiva dei singoli componenti il gruppo), dosare attentamente l'esperienza "competitiva", privilegiare un contesto di accoglienza particolarmente adatto, "giocare" su una varietà di proposte che eludano la monotonia, prevedere frequenti gratificazioni, favorire le relazioni.

Da parte sua (oltre che dell'istruttore) vanno ben valutate e sostenute le scelte e le motivazione del ragazzo, evitando ogni tipo di imposizione (che avrà il duplice effetto negativo di non raggiungere gli obiettivi sperati - la costanza della pratica motoria - e di far sentire il bambino "incompreso"rispetto ai suoi bisogni). Rispettando questi presupposti l'esperienza motoria e sportiva diventa un valore educativo aggiunto e imprescindibile, una dimensione obbligatoria attraverso cui la nostra crescita e la formazione della nostra personalità deve fare le sue esperienze.

22/1/2003

20/5/2017

I commenti dei lettori

Anche mia figlio fino a 6 anni non aveva alcun interessa allo sport, inteso come tale con regole e disciplina. Faceva naturalmente tantissimo movimento in qualsiasi momento con bici, monopattimo ecc. Poi a 7 anni è cambiato completamente e l'ho iscritto ad atletica, ora accetta l'insegnante ed è fra quelli più portati allo sport e pronti anche fisicamente. L'insegnante pensava che avesse sempre fatto ginnastica.

Sono contenta perchè non ho forzato i tempi. ciao Rosalba

rosalba (LI) 04/11/2010

Mio figlio ha 5 anni. Ha iniziato in piscina da quando aveva 6 mesi ed essendo io istruttrice, l'ho coinvolto fino allo scorso anno quando per la prima volta ha dovuto frequentare senza la mamma in acqua. Da allora non ne vuole più sapere, ma non solo del nuoto, rifiuta qualsiasi tipo di attività sportiva giustificando il fatto che lui non vuole andrae con un altro maestro. NOn so quanto e se insistere anche perchè siamo una famiglia di ex atleti e quindi non riesco a capire veramente se è il caso di mettermi da parte ed aspettare o insistere per non farla divenatre una "vittoria" sua...Con noi fa tutto, nuota, scia, va in bicicletta monopattinoi gioca con i coetanei ecc...che fare?

Roberta (VI) 19/11/2010

Cari tutti io sono in una posizione probabilmente intermedia...proprio ieri ho avuto il ricevimento degli insegnanti di mio figlio che ha 6 anni e 5 mesi e frequenta la prima, la maestra di ginnastica mi ha molto spavenatata perchè mi ha riferito che mio figlio non riesce a palleggiare con le mani...e non riesce a comprenderne il movimento...premetto che a casa lo fa e magari spesso gli scappa la palla ma se riprova non ci sono problemi!! Gli manca sicuramente la volontà e la costanza ed essendo molto emotivo si chiude nell'errore e si blocca ...proiettandosi in un mondo suo probabilmente ...sentendo ma non ascoltando davvero ciò che gli viene detto...allora mi chiedo...ma il compito delle insegnanti non è proprio quello di stimolare e aiutare i bambini approcciandoli all'attività motoria con gradualità e passione facendolo sembrare un gioco alla portata di tutti? La maestra mi ha fatto chiaramente capire che mio figlio potrebbe avere dei problemi di ritardo..ma a scuola ha tutti nove nelle materie didattiche ..magari un pò calerà ma mi chiedo se questo sia il metodo giusto di paragone o un atto un pò terroristico...ognuno di noi ha un suo tempo per adattarsi ed imparare ..continuiamo a stereotipare ogni cosa ...pure i nostri figli? Ho una zia di 65 anni oramai che non ha mai imparato ad andare in bicicletta...non è ne autistica nè ha alcun tipo doi problema psicofisico..è stata dirigente amministrativo di una grande società ..quindi??? Sono molto delusa ..e non so davvero come comporatrmi e cosa pensare!! grazie Samantha

samantha (BO) 18/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "A sei anni non vuole fare nessuno sport"

Ha iniziato a sciare a tre anni
Lo sci è uno sport adatto alla pratica infantile? Può denneggiare lo sviluppo muscolo scheletrico del bambino?
Ginnastica artistica e sviluppo fisico
L'attività motoria nelle sue varie specialità (come la ginnastica artistica in età pre-puberale) deve essere praticata nel rigoroso rispetto dei tempi.
L'equitazione a livello agonistico
Praticando l'equitazione a livello agonistico si svilupperà troppo la muscolatura delle gambe? I suggerimenti per l'attività sportiva dei ragazzi.
L'alimentazione del bambino che pratica sport
L'alimentazione del bambino che pratica sport, oltre a fornire un giusto apporto di energia, deve essere variata ed equilibrata.
Sport e allattamento
Non ci sono controindicazioni alla pratica di uno sport durante l'allattamento.
Alimentazione nei giorni di gara
Quale alimentazione è più indicata nei giorni di gara per i ragazzi che praticano sport?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura