ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Ha paura degli estranei

A 16 mesi si spaventa nel vedere le persone estranee. Piange e si agita finché queste persone non escono dalla sua vista. I consigli della psicologa.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

La mia bambina di 16 mesi da qualche tempo reagisce (anche se non lo fa sempre, ma spesso) con il pianto in occasione di visite di persone estranee o che non vede quotidianamente. Non si calma finché queste persone non escono dalla sua vista. Perché queste reazioni? E come devo comportarmi in queste situazioni?

Cara lettrice, temo di avere troppe poche informazioni per poterti dare una risposta soddisfacente. Posso solo offrirti le mie ipotesi: forse la tua bambina ha paura, o è arrabbiata e infastidita nel vedere dividere le tue attenzioni con altri. Confesso che la mia prima ipotesi mi piace poco: una cosa è la paura dell'estraneo, che nella maggior parte dei casi si manifesta solo con timidezza, ritrosia, e ricerca della gonna della mamma, un'altra è un pianto disperato resistente ai tentativi di rassicurazione.

Non so se a questa bambina, in altri momenti, non sia stata raccontata qualche storia terrorizzante: "le zingare che vengono in casa a prendere i bambini monelli", "le persone che vengono a fare le punture", ecc.

Esistono una quantità di varianti sul tema, e ne conosco di allucinanti, e certamente la nostra lettrice saprà se questa spiegazione fa al caso suo. La seconda ipotesi che ho avanzato è quella che ritengo più probabile: ammetto che in questo caso, cara lettrice, ti troveresti in una situazione abbastanza critica: o trascuri la tua bambina o trascuri i tuoi ospiti, e ti ci vorrebbe un maestro di cerimonie per una soluzione brillante del tuo caso.

Puoi provare con frasi tipo "Questa signora è venuta perché vuol giocare un po' con te", ma non sempre risultano adatte al contesto. Piuttosto, visto che la bambina non ha sempre queste reazioni, sarebbe interessante conoscere le circostanze ambientali in cui si manifestano, e anche le persone "estranee" coinvolte: per esempio, se i tuoi ospiti arrivano mentre stavi giocando con la bimba, è comprensibile che lei li viva come presenze importune e disturbanti.

In linea generale puoi provare a preannunciare la visita, ("verranno dei signori"), o a tenere da parte un giocattolino nuovo da darle in quell'occasione. Purtroppo, non puoi fare molto (di già!!!) sulle simpatie e antipatie di tua figlia: ti consolerà però sapere che i bambini, specie a quell'età, cambiano facilmente parere.

6/3/2001

12/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Macchie al viso in gravidanza
A partire dal 3°-4° mese di gravidanza è possibile notare la comparsa di piccole macchie marroni sul viso soprattutto nelle donne brune.
Trasposizione delle grandi arterie
La trasposizione delle grandi arterie è una malformazione cardiaca complessa. E' preferibile correggere la lesione attorno all'anno di vita.
A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita