ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

E' al secondo anno di scuola materna, ma piange al solo pensiero di andarci

Continua a fare i capricci per andare alla materna anche se è al suo secondo anno. Può essere dovuto al cambiamento di scuola?

a cura di: Dott.ssa Maria Rita Esposito (psicopedagogista)

Piange al solo pensiero di andare a scuola Ho una bambina di quattro anni che frequenta la scuola materna. Pur essendo al suo secondo anno di frequenza (ha però cambiato scuola) continua a fare capricci, dopo un primo periodo di entusiasmo (normalmente dopo il primo mese). È successo anche per la scelta del tempo prolungato per la quale lei stessa ha molto insistito ma, dopo il primo giorno di entusiasmo, adesso si rifiuta di mangiare a scuola e comincia a piangere dalla sera prima o anche durante il week-end, al solo pensiero di dover mangiare a scuola. Come posso aiutarla? Devo decidere di non farla più mangiare a scuola e quindi dargliela vinta oppure insistere?

Caro genitore, leggo con molto interesse la sua lettera e soprattutto, tra le righe, la perplessità, molto spesso insita nei comportamenti come madre o padre, di avere fatto bene o male, di avere agito per il bene della piccola o no. E spesso queste perplessità si rafforzano sui comportamenti dicotomici, opposti dei nostri piccoli.

È vero, come lei mi dice, che la bimba frequenta la scuola per il secondo anno, ma è pur vero che l'ambiente in cui quest'anno è inserita è nuovo rispetto a quello dell'altro anno, e ciò significa che gli indicatori di novità e di ansia (fisiologica e di crescita) ad essi connessi non possono e non devono essere sottovalutati.

Immagini un po' la situazione di cambiare casa: rappresenta un disagio iniziale, spesso vissuto con inconsapevolezza. Gli spazi che ci aspettiamo essere gli stessi di quelli lasciati prima del trasloco sono vissuti invece come diversi, i tempi paiono scanditi in maniera differente, soprattutto relativamente all'affettività e all'emotività con cui carichiamo i luoghi e il tempo delle nostre esperienze.

È ciò che è accaduto alla sua piccola: spazi e tempi nuovi da riguardare, soprattutto dal punto di vista emozionale e psicologico, oltre che di relazione e di socializzazione (nuovi compagni, nuovi maestri, ecc.), hanno determinato questo parziale e temporaneo disorientamento.

E l'entusiasmo iniziale è fisiologicamente avvenuto in virtù del fatto che la piccola non si aspettava un cambiamento così significativo: credeva in maniera inconsapevole che si trattasse di un semplice trasloco, dove avrebbe trovato spazi e tempi suoi e questo le spiega anche perché il suo cucciolo abbia inizialmente forzato a sé stessa la possibilità di restare a scuola per tempi lunghi sin dall'inizio.

Ricordiamo sempre che il tempo a quattro anni, e nell'infanzia, è un tempo affettivo, dove l'esperienza ludica scolastica all'inizio dell'anno è troppo lunga per molti piccoli, perché li separa dalla familiarità e dalla protezione del contesto/casa; è invece troppo breve già dopo qualche mese, quando la rassicurazione di tornare a casa, nel calore familiare, ormai interiorizzata, permette di godersi appieno gli spazi e i tempi della giornata scolastica.

In ciò un ruolo significativo viene dato ai docenti che, in team, operano una progettazione delle attività che tenga conto costantemente delle esigenze formative e dei bisogni affettivi dei bambini. Pertanto, ne parli con serenità agli insegnanti della sua bambina: vedrà che, oltre a rassicurarla, opereranno scelte e consigli per rendere quanto prima il processo di integrazione, nel nuovo contesto scolastico, interessante e sereno.

La serenità affettiva rappresenta il primo traguardo da raggiungere a breve termine, specie in relazione al fatto, che mi scrive, del disagio che la bimba avverte già la sera prima di recarsi a scuola perché sa di dovervi restare a mangiare.

Valuti, in sinergia coi docenti, l'ipotesi di fare un periodico e apparente passo indietro, imparando a scandire tempi cronologici di permanenza a scuola (consiglio, in questo periodo, non troppo distesi) in sovrapposizione con quelli affettivi e psicologici della bambina. Auguri e a presto!

26/1/2004

16/10/2015

I commenti dei lettori

ciao,sono federica,quanto capisco la mamma ke ha scritto questa lettera...io sono disperata xkè mio figlio fa lo stesso,l'anno scorso ha pianto fino a giugno xò l'ho portato fino all'ultimo giorno xkè poi ad agosto ho partorito.quest'anno invece era iniziato bene,fino ad ottobre non ha mai pianto,poi ha ricominciato..inizia dalla sera,poi la mattina piange e non si vuole vestire,x me è un'inferno xkè ho l'altra bimba di 6 mesi...cmq spero tanto ke la cosa si risolva presto e lo auguro di cuore anche a tutte le mamme ke hanno questo problema xkè è straziante lasciarli in quel modo la mattina a scuola...grazie,ciao

fede (CZ) 27/02/2011

anche il mio ha cominciato il secondo anno, ma dopo l'inizio che è stato ranquillo, adesso comicnia a piangere ogni mattina, si f venire l'ansia e corre in bagno a diarrea. Le maestre mi dicono che smette appena vado via....non so che pensare, ci sto male ogni mattina e sono in pensiero!!!

Tanya (MB) 05/10/2011

Il mio bimbo ha 5 anni e va a scuola da quando ha 18 mesi... beh sò che non è confortante, ma tutte le mattine si ripete lo strazio... io sono esausta, non so a chi chiedere aiuto, piange e piange e strilla fino a quando me lo portano via!!! Il prossimo anno andrà alle elementari... continuerà??? Possibile che non ci sia una soluzione??

(RM) 16/11/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' al secondo anno di scuola materna, ma piange al solo pensiero di andarci"

Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido e le maestre dicono che ha degli attacchi di pianto cercando la mamma. I consigli della psicologa.
È aggressivo alla scuola materna
Un bambino aggressivo alla scuola materna: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze e tornare appieno alla vita di ogni giorno.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Andrà al nido il mese prossimo
Inizierà il nido il mese prossimo. I consigli su come prepararlo a questa nuova esperienza.
La maestra chiama "spioni" i bambini
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare