ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Poca capacità di concentrazione alla scuola materna

A quattro anni può essere del tutto "normale" avere poca capacità di concentrazione. Probabilmente questo fatto è dovuto alle numerose stimolazioni che si ricevono.

a cura di: Dott.ssa Lisa Parmiani (psicologa)

Mio figlio ha quattro anni e frequenta la scuola materna. Ho notato che ha poca capacità di concentrazione e spesso si stanca subito di ciò che sta facendo, gioco o lavoretto che sia, e a volte tende a fare tutto di fretta e con poca attenzione, per passare velocemente ad altro. Nel colorare poi, solo se si sta vicino a lui, fa bene i disegni e con una certa precisione, altrimenti qualche scarabocchio. Anche a scuola si comporta così, perde l'interesse velocemente. Invece la lettura lo affascina e sta tanto tempo ad ascoltare le storie. Devo preoccuparmi? E per lo studio in futuro?

Le difficoltà di concentrazione sono molto diffuse tra i bambini oggi, anche in relazione alla quantità, velocità e diversità di stimolazioni che ricevono, in misura superiore rispetto al passato. 

A quattro anni, tuttavia, può essere del tutto "normale" avere tempi brevi di concentrazione; questo non può far prevedere problemi successivi nello studio, a meno che questa caratteristica non si stabilizzi nel tempo e non si estenda a tutte le attività del bambino.

Lei scrive invece che la lettura è in grado di catturare la sua attenzione per tempi più lunghi. Forse il bambino può essere aiutato strutturando in modo chiaro il suo tempo (orari, regole) e assicurandogli un ambiente emotivamente tranquillo.

A volte, infatti, l'irrequietezza dei bambini è un modo attraverso cui esprimono tensione emotiva, rabbia, preoccupazione. Può provare ad osservare se ci sono relazioni tra il suo comportamento e situazioni che possono averlo provato emotivamente.

 

15/10/2012

6/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta