ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Rapporti tra genitori, figli e insegnanti

L'anno scolastico è un'avventura che non ripete ogni anno gli stessi copioni. E' importante migliorare i rapporti tra genitori, figli e insegnanti per ottenere risultati personali soddisfacenti.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

L’anno scolastico è un’avventura che non ripete ogni anno gli stessi copioni. Sì, libri, zainetti, professori, scuola, famiglie in attività, ma ogni situazione è nuova, ognuno cambia un po’, sia adulti che ragazzi, quindi è diverso anche il modo di vivere le stesse esperienze. L’ambiente scuola e il mondo dello studio sono occasione di contatti e relazioni molteplici.

Come sono stati i rapporti lo scorso anno? Come si sono conclusi? I ragazzi come hanno vissuto i primi mesi di questo anno scolastico? Possiamo migliorare il gioco di squadra tra genitori, figli e insegnanti per raggiungere insieme nuovi obiettivi e ottenere risultati personali soddisfacenti.

Non possiamo modificare i programmi scolastici, né migliorare la scuola in generale o influire sugli stili e i metodi di insegnamento, possiamo poco anche sul carattere delle persone, giovani e adulti. Invece sì che possiamo giocare bene le carte della fiducia e dell’autorità.

Oggi il termine autorità è poco popolare perché molti lo associano a costrizione. L'origine della parola suggerisce il contrario: la parola latina auctoritas deriva dal verbo augere, che significa incrementare, far crescere.

L'incontro con un'autorità autentica migliora la persona piuttosto che scoraggiarla o deprimerla. (J. Burggraf).  Per il sociologo Marcel Gauchet l’autorità si basa soprattutto sul rapporto di fiducia tra l’insegnante e i suoi allievi.

Offrire e dimostrare fiducia ai genitori, ai ragazzi, agli insegnanti. Guardare e parlare all’altro non per chi è in quel momento, ma proiettandosi con lo sguardo a chi può diventare, una persona migliore, anche grazie al nostro incoraggiamento.

Non con frasi scontate e meccaniche, ma con atteggiamenti e parole che trasmettono calore umano e speranza. Le regole del gioco, per il bene di tutti. Poi le “regole del gioco”, tra genitori e figli, tra insegnanti e famiglie. Sono necessarie per sostenere l’autorità in funzione del bene di tutti.

“Il pranzo in casa nostra inizia alle 13.30 e tutti cerchiamo di essere puntuali”. Ecco fatta una piccola regola di famiglia. E’ una conclusione. Prima ci sono state consultazioni, discussioni, valutazione degli orari di papà, mamma, figli, scuole, mezzi pubblici.

Inoltre si sono considerati i benefici di pranzare tutti insieme, vedersi, parlarsi, ascoltarsi a vicenda. Tutti d’accordo? Bene, ci diamo questa regola. Chi arriva in ritardo non sarà squalificato, però dovrà giustificarsi e scusarsi con gli altri. Anche papà e mamma si adeguano e si scuseranno con gli altri se arriveranno in ritardo.

Chi comanda in famiglia?

Un’altra situazione. Termina il pranzo, un po’ di chiacchiere e relax, qualche gioco. Poi lo studio. “E’ ora di iniziare a studiare, Flavio…”. Richiamo a una consuetudine consolidata, comando implicito a lasciare il gioco per iniziare l’altra attività.

Il valore e l’efficacia di questo richiamo dipendono da vari aspetti. Se anche in questo caso si tratta di un orario ragionato e concordato, ci saranno meno problemi. Chi dà il la? Il papà o la mamma? Se loro due si sono messi d’accordo e hanno ragionato con Flavio e lo hanno abituato a quell’orario, è indifferente.

Il papà lo dirà con il suo stile, la mamma con un altro, la sostanza non cambia.

 

27/8/2012

16/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rapporti tra genitori, figli e insegnanti"

Scegliere il tempo pieno a scuola
I dubbi sulla scelta del tempo pieno a scuola. Il punto di vista dello psicologo.
Cambio scuola
Traslocheremo a metà dell'anno scolastico. Il cambio di scuola potrà esserle traumatico? I consigli della psicologa.
Bambino troppo vivace a scuola
E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace. I consigli dello psicologo.
Dislessia
La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente.
Vessazioni a scuola
A scuola viene fatta oggetto di vessazioni da parte dei suoi compagni di classe. I consigli della psicologa.
Un caso di tubercolosi a scuola
Nel caso di tubercolosi a scuola è necessario un trattamento preventivo antitubercolare a tutti i compagni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte