ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Troppo remissiva alla scuola materna

Alla scuola materna subisce l'atteggiamento aggressivo e prepotente di una sua compagna. I consigli di come aiutarla a diventare meno remissiva.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Sono il papà di una bambina di quattro anni e mezzo che frequenta il primo anno di scuola materna. La piccola ha un ottimo rapporto con le maestre e con la maggior parte dei compagni; è giovale, sensibile ed estremamente solare. Nella classe è presente una bambina coetanea d'età ed i cui genitori sono nostri amici. Questa bambina ha un atteggiamento aggressivo e prepotente nei confronti di mia figlia. Aggressivo perché tende a prevaricarle la propria personalità: non c'è giorno che non le scriva sul grembiule. Comanda ogni fase di gioco; impone scelte regole e ruoli. Più di una volta le maestre ci hanno anticipato il problema e successivamente hanno deciso di evitare di far giocare insieme le bambine. Ed in tutto questo mia figlia non riesce a reagire con lei come normalmente fa con gli altri coetanei. Quale consiglio può darmi?

La sua bambina è molto sensibile: mi risulta difficile pensare che solo con questa compagna abbia un atteggiamento così remissivo. Forse questo accade in particolar modo con quella bambina, ma sicuramente anche con gli altri. L'essere timida, debole, a quell'età rappresenta una fase; col tempo sicuramente cambierà e non è possibile prevedere quando, pochi mesi, qualche anno.. A titolo di esempio le porto quello che mi è accaduto di vedere da insegnante e cioè una bambina come la sua, che al termine dei tre anni di scuola materna si è aperta molto ed è arrivata a reagire verbalmente alle provocazioni.

Ritengo che facciano bene le insegnanti ad isolarle e a spingere sua figlia a giocare con altri, perché in genere s'instaura un rapporto di dipendenza e in questo modo può maturare nell'altra bambina una riflessione volta a cambiare, per avere più amici. A casa dovete invitare vostra figlia a riflettere sul fatto che non è giusto quello che fa l'altra bambina e a reagire se non direttamente, lamentandosi presso la maestra o con voi, se l'accaduto avviene all'esterno della scuola.

Quando questo traguardo sarà raggiunto e la riterrete matura, le direte di difendersi da sola, dicendo "no" all'amica, facendosi valere. Non premete troppo comunque, perché altrimenti è controproducente: andate per gradi e chiedete aiuto alle insegnanti che vi sapranno dare indicazioni utili e, per quanto fastidiosa la situazione, non fatele perdere l'amicizia. Potete diradare gli incontri, ma non sospenderli, perché soffrirebbero entrambe le bambine. In bocca al lupo.

8/10/2003

18/3/2016

I commenti dei lettori

Salve sono la mamma di un bambino che frequenta la 5 elementare ha un problema grosso che ce una mamma che lo agredisce fuori quando esce dalla scuola dicendoli che picchia la sua bambina ma in verita la sua bambina interviene dicendo alla sua mamma cosa racconti non e vero non mi ha toccata e successo da quando si sono aperte le scuole , ho parlato con il preside e le maestre a loro non li risulta niente di ciò che dice la mamma  in pratica il bambino resta antipatica alla mamma e subusce tutti giorni gli insulti e la cosa sta diventando grave ce il bambino che mi piange a diritto e dice che ha paura da lei come mi poso comportare inquesto caso grazie mille.

01/10/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Troppo remissiva alla scuola materna"

È un chiacchierone a casa, ma alla materna è timido
A casa è un chiacchierone, ma a scuola è molto timido. È una timidezza che passerà quando diventerà più grande? I consigli per rargli superare questa fase.
La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.
La timidezza nei bambini
E' assolutamente normale che i bambini siano timidi, ma quando e come aiutarli? I consigli della Pediatra.
Timidezza
Mia figlia di 10 anni è estremamente timida. Come possiamo aiutarla? I consigli della psicologa per farle superare questa situazione.
Bambino timido
Mentre a casa è vivace ed allegro, alla scuola materna è timido e non partecipa ai giochi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta