ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Rispondere alle paure dei bambini

Per rispondere e tranquillizzare le paure dei bambini occorre dare risposte e spiegazioni adeguate quando le chiedono, senza rimandare. I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Un uomo passeggia in una sera ventosa con la figlia piccola. Lei si spaventa per le ombre in movimento provocate dalle fronde degli alberi mosse dal vento.

Il padre le spiega ciò che sta accadendo: c’è vento, gli alberi si agitano e la luce dei lampioni proietta l’ombra dei rami in movimento. La bambina si tranquillizza. Le parole del padre hanno comunicato alla figlia il perché di quella situazione, che prima appariva paurosa.

Una funzione del dialogo è quella di descrivere la realtà e di approfondirne la conoscenza, proprio attraverso lo scambio dei punti di vista. Serve a poco comunicare risposte o rassicurazioni generiche, del tipo “Non preoccuparti, non è niente”, perché abbiamo fretta o siamo stanchi e non abbiamo voglia di elaborare una spiegazione più ragionata.

Il bambino può tranquillizzarsi sul momento, ma non ha la spiegazione di quello che è accaduto, resta in lui un punto di domanda che ritornerà quando si presenterà la stessa situazione.

Occorre dare risposte e spiegazioni adeguate ai bambini quando le chiedono, senza rimandare. Rispondere quando c’è lo stimolo della curiosità o della conoscenza, rassicurare in modo ragionevole, quando insorge la paura, significa condividere con loro quel momento e con ciò rafforzare il legame reciproco.
 

19/11/2012

8/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rispondere alle paure dei bambini"

Ha paura di stare da solo
Mio figlio Stefano di dieci anni ha il terrore di restare solo. Qualche volta si tratta di episodi transitori.
Paure in gravidanza
I timori, le paure, l'ansia in gravidanza: come affrontarli. Come aiutare la futura mamma ad essere più serena.
Paura del dentista
Perché un bambino ha paura del dentista? Le cause più frequenti sono legate ad un condizionamento familiare e/o ad una brutta esperienza.
Ha paura della morte
Non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Come comportarci? I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte