ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Molla schiaffoni a tutti

Il mio bambino ha iniziato a dare sonori schiaffoni a chi lo tiene in braccio. Al di là del comprensibile imbarazzo che può provocare questo comportamento, non penso che ci sia da allarmarsi.

a cura di: Dott.ssa Maria Rosa Sampieri (pedagogista)

Il mio bambino di 17 mesi da un po' di tempo ha iniziato a dare sonori schiaffoni a chi lo tiene in braccio, indistintamente a me come a mio marito come ai nonni, tutte persone che comunque è abituato a vedere. Vorrei sapere se e come farlo smettere, il motivo di questi gesti e se per fargli capire che non deve più farlo, devo ritornargli le sberle (ovviamente con la dovuta prudenza...)

Innanzi tutto, non applicare mai, con un bambino di questa età, la regola "dell'occhio per occhio, dente per dente". Ricordiamo sempre a noi stessi che siamo per loro innanzi tutto dei "modelli", e come tali i nostri comportamenti saranno assorbiti e successivamente imitati. Per quanto riguarda gli "schiaffoni", al di là del comprensibile imbarazzo che può provocare questo comportamento, non penso che ci sia da allarmarsi.

Lo schiaffo, strano per quanto possa apparire, è sempre un modo di comunicare, che il bimbo utilizza per rapportarsi con la realtà che lo circonda, e non va caricato di particolari significati negativi; piuttosto, si dovrebbe cercare di non sottolineare tale fenomeno con reazioni brusche, che potrebbero incoraggiare il bimbo a perseguire detto comportamento. Di norma, sono questi fenomeni destinati ad affievolirsi con la crescita, e con la scoperta e la sperimentazione di sempre nuovi ed divertenti giochi; sta a noi incoraggiarli in tal senso.

1/10/1998

10/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Molla schiaffoni a tutti"

Non vuole stare con il papà
Mia figlia è sempre più attaccata a me. Se il papà le si avvicina gli dà schiaffi in faccia. Il consiglio dello psicologo.
Si dà gli schiaffi in faccia
Quando la sgridiamo si dà gli schiaffi in faccia e comincia un pianto nervoso. I consigli di come riuscire a risolvere la situazione.
Gioca dando schiaffi e calci
Siamo preoccupati perché nostro figlio di due anni sembra fare amicizia e gioca usando schiaffi e calci. I consigli su come superare questa fase.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica