ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Mandare mia figlia alla scuola elementare a cinque anni e mezzo?

Con la riforma si può andare alla scuola elementare a cinque anni e mezzo. Sarà pronta?

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Ho una figlia di quattro anni, nata in febbraio, e con la nuova riforma potrebbe il prossimo anno iniziare la scuola a cinque anni e mezzo. Io sono molto perplessa e vi chiedo: quali sono in generale i "parametri" da valutare per capire se un bambino è pronto a questo passo? Quali sono i segnali da non sottovalutare che farebbero propendere piuttosto per una prosecuzione dell'asilo? Temo che l'ingresso a scuola con un tempismo sbagliato possa essere controproducente...

Sono perplessa pure io. Molti insegnanti, come me, sono contrari alla riforma Moratti perché, da una parte ritengono che non tenga conto dei tempi dei bambini, e dall'altra considerano il fatto che la scuola italiana non è comunque pronta ad attuarla. Mancano una formazione specifica degli insegnanti e una strutturazione adeguata degli spazi, ma tutto questo esula da quanto mi stai chiedendo. Per capire se tua figlia è "pronta" devi valutare la sua personalità nel complesso. Come interagisce coi compagni? È in grado di difendersi, di affrontare situazioni nuove? Ricordati che dovrà rapportarsi con bambini più grandi di lei. Sa concentrasi su un compito o è unicamente attratta dai giochi? L'ingresso nella scuola elementare comporta il dispendio di numerose energie: pensi che abbia la forza e il grado di maturità necessari?

Tre raccomandazioni: devi compiere il passo non per seguire una moda, ma se effettivamente lo ritieni positivo per tua figlia; non prepararla all'ingresso alla scuola insegnandole anzitempo a leggere o a scrivere, come fanno molti purtroppo, perché non seguirebbe volentieri le lezioni e non troverebbe attraente la scuola;  segui i consigli delle insegnanti della scuola materna, che hanno una visione diversa dalla tua della tua bambina, più oggettiva e legata al contesto scolastico e non sentirti avvilita se ti sconsigliassero il passo: in genere un'insegnante consiglia una maggiore permanenza nella materna perché il tanto sottovalutato gioco è molto importante per la crescita di un bambino.

Buona fortuna!

10/9/2003

24/8/2013

I commenti dei lettori

PER ME CHE HO UNA BIMBA DELLA STESSA ETA IN FATTI LA MIA E NATA IN FEBBRAIO IO CONSIGLIO LA SIGNORA DI LASCIARE LA FIGLIA FREQUENTARE GIA L ELEMENTARE E ANDRA TUTTO BENE COME LO STA FACCENDO MIA FIGLIA ORA

SONIA (VI) 19/09/2011

Mia figlia invece avrebbe sofferto molto l'ingresso a cinque anni e mezzo. Ho aspettato, facendole fare 4 anni di materna, e adesso è una delle migliori della classe. Sapeva già le lettere e i numeri, ma vedevo che non era in grado di stare seduta per più di 20/30 minuti, mentre la scuola elementare richiede una grande concentrazione e lunghi tempi seduti, che ai bambini pesano moltissimo, come non avere momenti di gioco "vero", con i giochi a disposizione come alla materna.

Lucia (VE) 10/09/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mandare mia figlia alla scuola elementare a cinque anni e mezzo?"

Scegliere il tempo pieno a scuola
I dubbi sulla scelta del tempo pieno a scuola. Il punto di vista dello psicologo.
Bambino troppo vivace a scuola
E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace. I consigli dello psicologo.
Non siamo soddisfatti degli insegnanti
Siamo delusi dagli insegnanti di nostra figlia. Il cambiamento di scuola può compromettere il suo equilibrio? Il parere della psicologa.
Si distrae quando fa i compiti
Insegniamo ai nostri figli, fin da piccoli, a trovare un metodo di studio efficace. Ricordando che la collaborazione fra mamma e papà non deve mancare.
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia, dall'atteggiamento di ricerca, curiosità che dimostrano gli adulti.
Dislessia: difficoltà nella lettura e/o scrittura
La dislessia è una difficoltà duratura dell'apprendimento della lettura e della scrittura in bambini di intelligenza normale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.
Le fiabe e il mondo emotivo dei bambini
La lettura delle fiabe, dei racconti o delle poesie diventa la via maestra per entrare in contatto con il mondo emotivo dei propri figli.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
Le principali tappe dello sviluppo del bambino
Le principali tappe dello sviluppo neuro-motorio e cognitivo del bambino da 2 a 12 mesi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa