ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Il prossimo anno andrà alla materna con sua sorella

E' meglio inserirlo in una classe dove ha già un punto di riferimento sicuro (la sorella) o "forzarlo" a socializzare in una classe di soli bambini estranei?

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Nostro figlio di tre anni il prossimo anno andrà allo stesso asilo della sorella di cinque anni. La Preside ci ha chiesto se vogliamo metterlo nella stessa classe della sorella o se vogliamo metterlo in una classe diversa. Premesso che è molto timido e non fa amicizia molto facilmente, secondo Voi è meglio la prima o la seconda soluzione? E cioè inserirlo in una classe dove ha già un punto di riferimento sicuro(la sorella) o "forzarlo" a socializzare in una classe di soli bambini estranei?

Io personalmente consiglio sempre di iscrivere i due fratelli in due classi diverse, indipendentemente dal loro carattere, perché ritengo giusto che ciascuno si crei gruppi di amicizie diversi e anche un percorso di vita quotidiana differente, ottimo oggetto di scambio di opinioni, di esperienze...

Il rischio che si crea nell'iscriverli nella stessa classe consiste in un isolamento della coppia e la ripetizione di modelli di relazione tra fratelli identici a quelli presenti nella famiglia con, per esempio, prevaricazione dell'uno nei confronti dell'altro. Nel caso specifico il fatto che il fratellino sia più timido non favorisce il suo "aprirsi" all'esterno, che verrebbe sempre mediato dalla sorella, pertanto sarebbe più opportuno iscriverlo in un'altra classe, garantendo comunque al bambino la presenza fisica della sorella nella struttura scolastica.

Un'altra chiave di lettura di questa situazione è legata all'età dei fratelli. Considerando che la bambina più grande andrà probabilmente alle elementari l'anno prossimo, si potrebbe iscrivere i due fratelli nella stessa classe, dal momento che con l'anno successivo verrà "tagliato il cordone ombelicale" che li lega. Suggerisco comunque la prima soluzione, che adottiamo con successo nella mia scuola.

10/2/2003

18/7/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il prossimo anno andrà alla materna con sua sorella"

Non vuole fare il sonnellino
Cosa fare per convincerla a fare il sonnellino alla scuola materna. Devo insistere o lasciar perdere? I consigli dell'esperto.
Asilo nido o baby-sitter?
È meglio cercare una baby-sitter e aspettare che il bimbo sia un po' più grande e mandarlo all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Scuola materna o nido
Mio figlio ha un ritardo nel linguaggio e preferirei che frequentasse ancora un anno di asilo nido, prima di mandarlo alla materna. I consigli della psicologa.
Non vuole andare a scuola materna
Un bambino di quattro anni si rifiuta di andare alla scuola materna. E' consigliabile parlare con gli insegnanti per capire il motivo del suo disagio.
Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido. Alla mattina il momento del distacco è sempre difficile, ed i pianti sono di routine.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita