ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Scuola materna o nido

Mio figlio ha un ritardo nel linguaggio. E' importante mandarlo in una struttura pubblica dove in genere il personale ha una preparazione e una competenza diversa del settore privato.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Io e mio marito ci troviamo in disaccordo per l'iscrizione alla scuola materna di nostro figlio che compirà tre anni a fine mese. Da gennaio dello scorso anno ha cominciato a frequentare un nido gestito da una cooperativa ospite in locali molto ampi con vasti spazi anche all'esterno dove i bimbi passano gran parte del loro tempo a giocare liberamente. Da quest'anno anche la sorellina di un anno più piccola ha cominciato a frequentare con lui. Per il prossimo anno scolastico il bimbo è stato accettato alla scuola materna statale dove dovrebbe trascorrere tre anni, aula piccola, poco tempo all'aperto, molto tempo impegnati in attività manuali ma da "seduti". Essendo il bambino in ritardo con il linguaggio, mio marito sostiene che, essendo più impegnato, ciò possa aiutarlo maggiormente; io sostengo che mi sembra ancora piccolo per costringerlo in un'aula angusta e con un'insegnante severa (che conosco) piuttosto che continuare a fargli frequentare ancora per un anno una scuola con un ambiente più familiare e dove la sorellina continuerebbe ad andare per un altr'anno. Sostengo anzi che tale cambiamento, al momento, potrebbe essere controproducente per lui. Lei cosa ci consiglia?

È piuttosto difficile da dare un suggerimento, perché mi sembra che la questione verta unicamente su fattori soggettivi (spazi ampi/angusti, cooperativa/scuola pubblica).

L'unico elemento che mi fa propendere per la scuola pubblica è il ritardo nel linguaggio di tuo figlio, perché in genere il personale pubblico ha una preparazione e una competenza diversa del settore privato. Basti pensare che, se non erro, per rientrare in una cooperativa, non è necessario possedere il diploma di istituto magistrale.

Inoltre, considerando che potrebbe continuare a stare con la sorellina molto più piccola, deduco che sia una struttura nella quale convergono bambini da pochi mesi a qualche anno; per tuo figlio, con un ritardo nel linguaggio, gioverebbe la frequenza di coetanei o bambini più grandi.

Per quanto riguarda il gioco libero, all'aperto, è sicuramente un momento ludico importante, ma troppo tempo libero non è positivo: il bambino si annoia e non effettua delle esperienze significative. Le attività didattiche rappresentano sicuramente un arricchimento e contribuiscono alla maturazione del bambino. Un po' di severità non guasta: il bambino deve capire che vigono delle regole fondamentali, il cui rispetto non solo è fonte di riconoscimento di meriti, ma garantisce a tutti di vivere bene.

Per finire ti suggerisco di non sottovalutare il problema del linguaggio. È un fenomeno piuttosto frequente, legato a tanti fattori: escluso quelli biologici (sordità, corde vocali...), quelli psicologici sono più complessi.

Io ti suggerisco di non trascurare il problema, non limitarti alla visita pediatrica, ma portarlo in quei centri specializzati, se tra qualche mese non avverti nessun miglioramento. Nella mia esperienza di insegnante, ho visto genitori che non hanno accettato questo consiglio, ritenendo il figlio privo di alcun problema, normale, perché ritenevano in un certo modo infamante richiedere un aiuto... ebbene quei bambini al termine del ciclo della materna sono migliorati, ma con un livello di linguaggio comunque inadeguato alla loro età. Gli altri che hanno invece aderito alla proposta, che hanno seguito una terapia, delle lezioni di logopedia, non si differenziano dai loro coetanei, che non hanno avuto quel problema. Ritengo che si debba affrontare la questione, come si trattasse di un mal di gola... va analizzato e curato adeguatamente.

22/9/2003

14/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scuola materna o nido"

Prima di iniziare la materna stava sempre bene
Esistono numerosi motivi per spiegare perchè il piccolo sia più esposto ad episodi infettivi.
Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido. Alla mattina il momento del distacco è sempre difficile, ed i pianti sono di routine.
Asilo o baby-sitter?
Asilo o baby-sitter: una scelta difficile per la mamma che lavora. I consigli della psicologa.
Non vuole fare il sonnellino
Cosa fare per convincerla a fare il sonnellino alla scuola materna. Devo insistere o lasciar perdere? I consigli dell'esperto.
Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare