ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Si stanca dopo cinque minuti che gioca con lo stesso giocattolo

Non finisce mai un gioco e si stanca subito quando gioca. Ogni bambino attraverso il giocattolo sperimenta, scopre, impara e lo fa a modo suo.

a cura di: Dott.ssa Maria Rita Esposito (psicopedagogista)

Mia figlia ha quattro anni e mezzo e frequenta il secondo anno di scuola materna (dopo due anni di nido). Non finisce mai di fare un gioco (se lo ritiene troppo difficile) oppure si stanca dopo cinque minuti che gioca con lo stesso giocattolo. È giusto insistere per farglielo finire o convincerla a continuare quello che sta facendo? Il mio timore è che eventuali insicurezze o difficoltà a concentrarsi su una sola cosa possano poi creare difficoltà quando andrà a scuola e dovrà fare i compiti.

Caro genitore, più volte abbiamo detto che il gioco rappresenta, per ogni età, uno strumento "di lavoro" importante e, se ben fatto nell'infanzia, diviene uno spazio di relax per l'individuo per tutta la vita. Ogni bambino attraverso il giocare sperimenta, scopre, impara e lo fa a modo suo, personale e soggettivo. La sua bimba nel fare alcuni giochi (lei però non me ne indica nessuno relativo alle esperienze della sua piccola) tende sicuramente ad impiegare tempi più lunghi e per ciò mi riferisco a quei giochi dove l'attenzione, la concentrazione e la memoria vengono maggiormente impegnati: pensi alle costruzioni, ai puzzles, alla campitura di un disegno.

Esistono invece altri giochi, come un'attività motoria all'aperto, dove il piccolo smette subito se il gioco non gli piace o dopo un tempo personale, legato in genere alla stanchezza psico-fisica: per ogni modalità ludica perciò c'è un tempo. Molto spesso il fatto di non completare un'attività, in genere del tipo che richiede maggiore tempo di concentrazione e realizzazione, dipende, sembra paradossale!, dai tempi di esecuzione che l'adulto di riferimento dà al bimbo: il tempo a questa età, invece, deve essere tassativamente quello soggettivo dei piccoli.

Non escludo che modelli imitativi avuti a tutt'oggi dalla bimba siano stati di questo tipo. Altra motivazione che può facilmente indurre un bambino a "mollare" di fronte ad un problema ludico può essere la troppa presenza dell'adulto, che alla prima difficoltà del bimbo agisce per lui: non dimentichiamo mai che per aiutare i nostri bambini a crescere è, tra l'altro, molto importante e educativo creare situazioni/gioco in cui impari a cavarsela da solo o quasi, perché "solo se prova disagio tenderà a modificare il proprio comportamento".

La sua preoccupazione relativa ad insicurezze e difficoltà che possono emergere è in parte lecita, ma non necessariamente legata agli apprendimenti scolastici degli anni successivi (intendo alla scuola elementare e al fare i compiti), quanto piuttosto al fatto che il gioco può perdere il suo connotato significativo di affettività e relazionalità, perché diventa tempo cronologico dell'adulto.

Il gioco individuale, come un puzzle, una lettura di immagini, un momento di gioco simbolico (il far finta di…), se da un lato non deve caratterizzarsi dal determinare, con la frequenza e i tempi sempre più lunghi, la tendenza della/del bambina/o all'isolamento (portando come conseguenza l'evitamento del gioco con gli altri e dei momenti di ricreazione in compagnia), dall'altro può essere supportato in questo caso, senza rendere la cosa troppo ansiosa, dal giocare in alcuni momenti e con gradualità insieme: inserirsi nel gioco, anche solo ponendosi accanto e giocando da soli con un altro giocattolo, significa scoprire che, dopo qualche "tentativo" il/la piccolo/a comincerà a giocare con l'altro da sé.

Consideri che spesso il giocare da soli, oltre che qualificarsi come un'esigenza di crescita, di autonomia e di creazione di "uno spazio proprio", lancia anche messaggi di richiesta di avvicinamento: il piccolo chiede cioè di essere notato e lo fa con modalità proprie, indirette.

Per contro il fatto invece che, dopo pochi minuti, la sua bimba o in generale un bambino lasci un gioco può derivare da diversi fattori: il tempo impiegato per quel gioco è per il piccolo sufficiente e rappresenta un pregiudizio dell'adulto il fatto che ci giochi per poco; gli stimoli di apprendimento negli ambienti educativi (la casa per prima) oggi sono molteplici e caratterizzati da complessità varie: pertanto un giocattolo può essere vissuto dal bambino come poco stimolante (specie se già lo conosce); la noia è un'emozione che i piccoli devono imparare a vivere e riconoscere e spesso proprio alcuni giochi rappresentano per questo un mediatore importante.

Attraverso il gioco inoltre i bambini dai tre ai sei anni costruiscono traguardi formativi essenziali che si esprimono nella realizzazione dell'autonomia e dell'autostima personale e sociale, oltre che nello sviluppo delle conoscenze e delle competenze.

È importante a riguardo che gli adulti di riferimento agiscano sulla crescita della fiducia in sé stesso del bambino proprio attraverso le modalità ludiche: rafforzare l'autostima quando porta a termine un semplice lavoro, giocare con lui mostrando una/due volte la risoluzione di un problema, motivarlo a ripetere per apprendere, lasciarlo dal solo di fronte a semplici difficoltà rappresentano elementi importanti perché il gioco divenga metodologia di apprendimento, di divertimento, di creatività e di relazione.

19/5/2004

26/12/2014

I commenti dei lettori

Sono la mamma di una bimba di 19 mesi, la mia bambina é molto irrequieta non vuole quasi mai giocare con i propri giochi, si stanca facilemnte e preferisce stare a guardare un bel cartone cosa devo fare??

erica (CN) 30/11/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si stanca dopo cinque minuti che gioca con lo stesso giocattolo"

Un po' di letteratura
Il gioco nella letteratura. Una poesia di Gianni Rodari ed un brano tratto dai "Miserabili" di Victor Hugo.
Entra in crisi se le si toccano i giocattoli
A questa età è normale che se le toccano un giocattolo vada in crisi. I consigli della psicologa.
La leggenda della nascita del capitello
Scopriamo la leggenda della nascita del capitello corinzio creato da Callimaco.
Vuole i giochi del fratello più piccolo
Se non ottiene i giochi del fratello piange ed urla. Comprare doppi giochi non risolve il problema.
I musei del gioco e del giocattolo
Ogni giocattolo è una rarità, creato dalla fantasia e dalla bravura delle mani esperte di artisti ed artigiani. Ecco un elenco di musei del gioco.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta