ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Si tocca il pisellino

Toccarsi il pisellino è un gesto spontaneo molto frequente nei bambini. Ma di fronte a un comportamento di questo tipo i genitori reagiscono spesso con imbarazzo.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho un bimbo di tre anni che ultimamente si tocca. Mi fa anche svariate domande alle quali rispondo, ma il problema è che alle volte lo fa davanti alle altre persone. Io non voglio che pensi che stia facendo qualcosa di male, ma devo dirgli di non farlo davanti agli altri. Mica starò facendo solo confusione?

Toccarsi il pisellino è un gesto spontaneo molto frequente nei bambini. Ma di fronte a un comportamento di questo tipo i genitori reagiscono spesso con imbarazzo, non sanno cosa dire e soprattutto sono incerti su quale atteggiamento assumere. E’ perfettamente normale che intorno ai due - tre anni di vita il bimbo, che già da tempo ha iniziato il processo di esplorazione del proprio corpo, inizi a concentrare l’interesse intorno ai suoi genitali, che per i piccoli sono una parte del corpo come un’altra.

Di conseguenza è facile osservare che il maschietto dimostri piacere dallo sfregamento ritmico del pene e che la femminuccia, oltre a mostrare godimento nel toccarsi l’organo sessuale, ricavi piacere stringendo ripetutamente le gambe in modo da avvicinare le due labbra della vagina. Sono gesti spontanei che non hanno i significati che potrebbe attribuirgli un adulto.

La masturbazione è comunque qualcosa di più della normale ispezione dei genitali e può variare come frequenza da bambino a bambino: da una volta alla settimana a più volte al giorno. E’ più facile che si verifichi quando il bambino è annoiato, quando è davanti alla televisione, quando si sente solo o triste ed ha bisogno di essere consolato, quando è sotto stress, quando sta per addormentarsi.

Se il bambino si masturba solo occasionalmente o al momento del sonno, sia pomeridiano che serale, la cosa migliore è lasciarlo tranquillo a giocare con il proprio corpo. Un ragionevole obiettivo è insegnare al piccolo che la masturbazione, anche se è un gesto perfettamente normale, è una cosa riservata, da fare in bagno o nella sua cameretta, da solo, ma non di fronte ad altre persone, nemmeno alla mamma o al papà.

L’errore più comune è invece fargli intendere che il suo atto è osceno, pericoloso, cattivo o immorale: in tal modo, proprio perché proibito, sarà maggiormente invogliato a ripeterlo ed inoltre si potrebbero indurre delle future inibizioni sessuali, convincendolo che la sessualità è qualcosa di "sporco" e non una cosa naturale. Ancora peggio è sgridarlo o impedirgli di toccarsi, magari legandogli le mani: la curiosità e gli impulsi naturali lo porteranno comunque ad esplorare i suoi organi sessuali e lo esporranno a inutili e pericolosi sensi di colpa.

Quando invece il bambino si masturba di fronte ad altri, è opportuno intervenire appena possibile, dolcemente e senza minacce, distraendolo con dei giochi oppure con un’attività o coinvolgendolo in piccole mansioni, facendogli comunque capire che esistono cose che non si fanno in pubblico.

Lo stesso atteggiamento deve essere tenuto da tutti quelli che si prendono cura del bambino e quindi anche dal personale della scuola materna, che dovrà cercare di distogliere il bambino dai momenti di solitudine, invitandolo a giocare con gli altri coetanei. Inoltre occorre ricordare che, se il piccolo tende a isolarsi, spesso è perché ha soltanto bisogno di un maggiore affetto e che i genitori gli dedichino più attenzione durante la giornata.

Con il tempo il piccolo diventerà consapevole della sua sessualità e sarà in grado di assimilare regole e divieti, costruendosi il proprio senso del pudore e comprendendo che comportamenti tollerati in privato, come appunto la masturbazione, non sono accettabili in pubblico, pur non essendo puniti.

1/7/1998

22/5/2015

I commenti dei lettori

Come comportarsi quando sono più bambini a toccarsi l'un l'altro in classe quando la maestra non vede?

sabrina (MI) 23/10/2012

ho un bambino di quasi 3 anni e da una settimana sta iniziando a toccarsi il pisellino,nn sapendo cm somportarmi l'ho richiamato piu'di 1 volta,a quanto leggo pare abbia sbagliato tutto...adesso per rimediare come fare?

rosa (NA) 06/05/2013

Anche mo figlio ha le mani sempre li, ma lui ha 13 anni non so cosa fare e cosa dire, non se ne accorge lo fa anche quando ci sono gli altri e fuori anche a pallone, non vorrei danneggiarlo sgridandolo o obbligarlo a non farlo, datemi un consiglio grazie Isabella

Isabella (TO) 22/05/2013

anche il mio bambino che ha 10 anni ha sempre questo maledetto pisellino nelle mani mi dite qualcosa anche per quello che nascerà a dicembre

sofia (SR) 19/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si tocca il pisellino"

Idrocele
L'idrocele consiste nell'ingrossamento di uno o di entrambi i testicoli. E' necessario l'intervento chirurgico.
Circoncisione
Ci sono controindicazioni alla circoncisione? I rischi connessi alla circoncisione sono numerosi.
Torsione del testicolo
Ha sofferto quest'anno di una torsione del testicolo. L'intervento chirurgico è quasi sempre necessario.
Mostrarci nudi
Non ci facciamo problemi a mostrarci nudi davanti a nostra figlia. E' un atteggiamento corretto? I consigli della psicologa.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Idrocele
L'idrocele è l'accumulo di liquido nella sacca che circonda il testicolo. E' dovuto alla persistenza del dotto peritoneale e normalmente scompare entro l'anno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte