ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

La maestra chiama "spioni" i bambini che non si fanno gli affari propri

È nella natura dei bambini il fatto di essere degli "spioni". Si tratta specialmente di femmine, che si sostituiscono all'adulto nel ruolo di "giudice".

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

La maestra di mia figlia di cinque anni (che frequenta il secondo anno delle materne) chiama "spioni" i bambini della classe che non si fanno gli affari propri. Adesso mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri. Pensa che sia un buon metodo educativo quello che sta usando l'insegnante?

È nella natura dei bambini il fatto di essere degli "spioni", solo che c'è qualcuno che lo è di più degli altri e passa il tempo ad ascoltare le argomentazioni degli adulti e a riferire le azioni negative svolte dagli altri compagni. Si tratta di bambini, specialmente femmine, che sono talmente assorbiti dal loro compito che non giocano né relazionano in modo adeguato con gli altri, e si sostituiscono all'adulto nel suo ruolo di "giudice" delle azioni e distributore di ricompense o castighi.

Questi bambini devono dunque imparare a capire la distinzione tra adulto e bambino. E comprendere che possono intervenire in determinate situazioni (per esempio riferire il fatto che un compagno si è fatto male) e non in altre (per esempio quando un compagno ha svolto male un compito), principalmente perché in questo modo si rendono antipatici agli occhi dei compagni, con conseguente isolamento dal gruppo e poi perché è giusto che si comportino da bambini, cioè da individui che devono realizzare un lungo percorso di crescita, prima di influire sulle azioni altrui.

Dare un connotato negativo, con l'uso del termine di "spione", accompagnato dalla spiegazione di ciò che è lecito riferire, è un atteggiamento che ritengo positivo.

30/6/2003

16/8/2017

I commenti dei lettori

Però se la maestra dà un'accezione negativa al comportamento in questione senza dare le opportune spiegazioni si possono creare le situazioni conflittuali che l'interlocutrice denunciava. Insomma si possono stigmatizzare comportamenti scorretti senza affibbiare "nomi", ma procedendo ad una spiegazione che i bambini sanno capire. Importante è la chiarezza!

mariarosa (RN) 19/01/2011

sono d'accordissimo. un caso simile è successo anche ad inizio anno 2010/11 nella classe di mio figlio, ultimo anno di scuola materna, solo che in questo caso la maestra chidedeva alla classe chi fosse stato a fare cosa, e se un bambino rispondeva dicendo ciò che aveva visto, lo metteva in castigo poichè affermava che la spia non si fa. abbiamo manifestato dubbi e perplessità rispetto a questo insegnamento, sottolineato secondo l'aspetto "omertoso" . abbiamo parlato direttamente con l'insegnate cercando delle spiegazioni logiche da parte sue e il perchè del castigo al posto della spiegazione. inutile dire che durante il corso dei 3 anni, tutta la classe ha avuto problemi del genere.finalmente siamo alla fine.

01/06/2011

penso che lei come mamma dovrebbe subito trovare una soluzione ... per propria esperienza so che la bambina non la smetterà mai. Ho un nipote che passa tutti i giorni a casa mia con mio figlio ... ogni 5 minuti mi diceva quello che combinava mio figlio... oltre che e fastidioso per me ... a perso anche un compagno dei giochi, perche mio figlio nn vuole stare con lui anche se hanno la stessa eta. ora che ha 9 anni non ha neanche un amico,in compenso va d accordo con la maestra. GIUDICHI LEI!!! P.S. scusate erori gramaticali, sono straniera. i bambini sono italiani e vanno a scuola italiana.

Lilia (RM) 22/10/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La maestra chiama "spioni" i bambini che non si fanno gli affari propri"

È aggressivo alla scuola materna
Un bambino aggressivo alla scuola materna: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.
Asilo o baby-sitter?
Asilo o baby-sitter: una scelta difficile per la mamma che lavora. I consigli della psicologa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Aggressività alla scuola materna
Alla scuola materna picchia gli altri bambini, anche quelli più grandi, senza motivo. I consigli su come fargli superare questa fase di aggressività.
Piange perché non vuole andare alla scuola materna
Non vuole andare alla scuola materna e piange. I consigli dello psicologo per aiutarlo nell'inserimento.
Mi respinge!
Quando torno a casa la mia bambina mi caccia via e mi respinge piangendo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo