ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Tira i capelli degli altri bambini

Tirando i capelli non sta necessariamente esprimendo la sua aggressività, perchè non lo fa in risposta a provocazioni altrui, ma è il suo modo di richiamare a sè sguardi e attenzioni.

a cura di: Dott.ssa Graziana Odorino (psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale)

Mio figlio ha un anno e mezzo e ha il vizio di tirare, all'improvviso e senza apparente motivo, i capelli agli altri bambini; non lo fa sempre come risposta ad eventuali provocazioni e i nostri continui rimproveri sembrano non riguardarlo. Ora, da qualche settimana, lo abbiamo iscritto all'asilo e anche lì ha questo comportamento: agli ammonimenti delle maestre dopo i primi giorni ora risponde con il pianto ma continua comunque a tirare i capelli quando meno ce lo aspettiamo. Perchè reagisce o meglio si "relaziona" in questo modo?

Il comportamento del suo bambino non è così raro come si può pensare. I bimbi, in questa particolare età e fino al secondo anno e mezzo di vita, possono utilizzare diversi modi per entrare in relazione con l'altro. Evidentemente il suo bambino ha scelto questa strada perchè si è accorto che riceve le tanto ricercate attenzioni, non solo da voi genitori ma anche dai compagni dell'asilo, se attua questo comportamento.

Tirando i capelli non sta necessariamente esprimendo la sua aggressività, perchè non lo fa in risposta a provocazioni altrui, ma è il suo modo di richiamare a sè sguardi e attenzioni seppur negative. Poi, quando viene ammonito dalle maestre o da altre figure di riferimento adulte, non regge la frustrazione e piange.

Verso i tre anni di vita questi atteggiamenti tendono ad attenuarsi spontaneamente anche grazie ad una maggiore padronanza di linguaggio e ad una capacità di esprimere i propri bisogni più completa. Intanto, però, si può pensare di aiutare il bambino, seppur così piccolo, ad apprendere altri atteggiamenti e rituali più mansueti come ad esempio baci e carezze accompagnati da paroline quali "cara", "bello", da rafforzare con lodi e gratificazioni.

Provate a prestargli attenzione incondizionata, anche in momenti nei quali il bambino non la richiede esplicitamente, per evitare che manifesti tale bisogno, tirando i capelli.

 

12/1/2011

16/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino
Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino. I consigli della psicologa.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Togliere o no i denti da latte?
E' necessario rivolgersi all'ortodonzista che è in gradi di valutare se è necessaria l'estrazione del dente da latte.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa