ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Tira i capelli degli altri bambini

Tirando i capelli non sta necessariamente esprimendo la sua aggressività, perchè non lo fa in risposta a provocazioni altrui, ma è il suo modo di richiamare a sè sguardi e attenzioni.

a cura di: Dott.ssa Graziana Odorino (psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale)

Mio figlio ha un anno e mezzo e ha il vizio di tirare, all'improvviso e senza apparente motivo, i capelli agli altri bambini; non lo fa sempre come risposta ad eventuali provocazioni e i nostri continui rimproveri sembrano non riguardarlo. Ora, da qualche settimana, lo abbiamo iscritto all'asilo e anche lì ha questo comportamento: agli ammonimenti delle maestre dopo i primi giorni ora risponde con il pianto ma continua comunque a tirare i capelli quando meno ce lo aspettiamo. Perchè reagisce o meglio si "relaziona" in questo modo?

Il comportamento del suo bambino non è così raro come si può pensare. I bimbi, in questa particolare età e fino al secondo anno e mezzo di vita, possono utilizzare diversi modi per entrare in relazione con l'altro. Evidentemente il suo bambino ha scelto questa strada perchè si è accorto che riceve le tanto ricercate attenzioni, non solo da voi genitori ma anche dai compagni dell'asilo, se attua questo comportamento.

Tirando i capelli non sta necessariamente esprimendo la sua aggressività, perchè non lo fa in risposta a provocazioni altrui, ma è il suo modo di richiamare a sè sguardi e attenzioni seppur negative. Poi, quando viene ammonito dalle maestre o da altre figure di riferimento adulte, non regge la frustrazione e piange.

Verso i tre anni di vita questi atteggiamenti tendono ad attenuarsi spontaneamente anche grazie ad una maggiore padronanza di linguaggio e ad una capacità di esprimere i propri bisogni più completa. Intanto, però, si può pensare di aiutare il bambino, seppur così piccolo, ad apprendere altri atteggiamenti e rituali più mansueti come ad esempio baci e carezze accompagnati da paroline quali "cara", "bello", da rafforzare con lodi e gratificazioni.

Provate a prestargli attenzione incondizionata, anche in momenti nei quali il bambino non la richiede esplicitamente, per evitare che manifesti tale bisogno, tirando i capelli.

 

12/1/2011

16/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura