ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Vomito periodico

A dieci anni soffre di vomito periodico. Potrebbe essere dovuto allo stress per la scuola. I consigli del pediatra.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Mio figlio, 10 anni da circa cinque mesi soffre periodicamente, con cadenza di circa 30 giorni, di episodi di vomito al mattino presto. Si sveglia attorno alle 6.00 con nausea a cui seguono uno o più episodi di vomito, lo stomaco è vuoto e dopo circa 2/3 ore la cosa si risolve. Abbiamo fatto esami del sangue completi (emocromo, glicemia, transaminasi) che sono risultati a posto, ecografia addominale che non ha rilevato niente di particolare. Il pediatra dice che potrebbe trattarsi di un discorso piscologico di ansia per la scuola. Il bimbo ha un carattere un pò ansioso ma è anche molto bravo a scuola. Comunque volevo sapere se potrebbe ricondursi solo ad un problema di stress da scuola o comunque nervoso oppure mi devo orientare su altri esami com ad esempio le allergie alimentari o altro?

La descrizione che i genitori danno di questa situazione mi fa propendere più verso l'orientamento diagnostico che ha dato il Collega Pediatra che segue il piccolo paziente.

In effetti, anche se c'è questo periodismo ("cadenza di circa 30 giorni di episodi di vomito al mattino"), pur tuttavia non rientra nei canoni della cosiddetta "Sindrome del Vomito Ciclico", che si presenta con criteri diversi [età inferiore rispetto a quella del bambino in oggetto, durata diversa, attacchi di vomito più volte in un'ora, etc...]: infatti mi pare di capire che la cosa si risolva spontaneamente in breve tempo, senza altro.

Esistono casi in cui il vomito può essere un equivalente emicranico, ma solitamente ci si riferisce ad una modalità diversa di comparsa della sindrome del vomito ciclico sopra ricordata.

Se tutti gli accertamenti finora condotti hanno dato esito negativo, tenderei a tranquillizzare la famiglia e a provare ad evitare di dare eccessiva importanza al fatto, così per non "medicalizzare" il bambino e non creargli la convinzione "di essere ammalato".

E' chiaro che non va esclusa la necessità di eventuali altri accertamenti qualora la situazione non virasse verso una spontanea guarigione (fine della scuola, episodi che si riducono fino a scomparire, maturazione del bambino che acquisisce sicurezza ed autostima).

Non penserei ad accertamenti in ordine a un problema allergologico. In ogni caso la conoscenza che il Pediatra del bambino ha del proprio paziente è la garanzia di un approccio globale a questo caso.

16/6/2011

8/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vomito periodico"

Diarrea da rotavirus: sintomi e dieta
Quali sintomi presenta la diarrea da rotavirus nei bambini, come avviene il contagio, occore seguire una dieta particolare? I consigli del Pediatra.
Salmonella: i sintomi
I sintomi della salmonella sono il vomito e le scariche diarroiche contenenti catarro. Spesso è presente anche la febbre.
Acetone nei bambini: sintomi e rimedi
Acetone nei bambini è frequente in caso di febbre. I sintomi sono nausea, sonnolenza eun alito tipico. Fra i rimedi, bevande zuccherate e soluzioni idratanti.
Stenosi del piloro
Quando il piloro si stringe, il cibo non passa più dallo stomaco all'intestino. Si deve operare.
Una brutta diarrea
Durante una brutta diarrea dall'esame delle feci è risultata la presenza del Campylobacter.
Reflusso gastroesofageo
Hanno diagnosticato a mio figlio il reflusso gastro-esofageo. Normalmente i sintomi si riducono verso i due anni quando i bambini assumo cibi più solidi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita
Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita. I consigli di come dirle che stiamo aspettando un secondo bambino.
Leucociti nelle urine
I leucociti nelle urine significano quasi sempre infezione delle vie urinarie o genitale.
Una macchia rosa sul pannolino
Una macchia rosa sul pannolino. Non si tratta di patologia e non bisogna allarmarsi.
Citomegalovirus in gravidanza
Il Citomegalovirus è un virus della famiglia degli Herpes. In gravidanza, il Citomegalovirus può causare parecchi problemi.
Congiuntivite virale
Da cosa è provocata la congiuntivite virale? Le precauzioni per evitare il contagio.

Quiz della settimana

Con che frequenza compaiono i cosiddetti "dolori di crescita" nei bambini sani?
2-3%
5-10%
10-20%
20-30%