ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Quiz di pediatria

Saresti un ottimo pediatra?
Verificalo giocando con noi!

Malattia da graffio di gatto

Verifica la tua risposta e confrontala con quella dei "tuoi colleghi genitori"! Poi, leggi sotto il commento dei nostri esperti.

Che cosa è la "malattia da graffio di gatto"?
E’ una reazione allergica che insorge quando si tocca un gatto10,3%
E’ una patologia della pelle molto pericolosa nel bambino23,5%
E’ un problema da sottoporre al veterinario2,9%
E’ una infezione che interessa i linfonodi63,2%

Totale risposte: 68. La risposta più corretta è quella evidenziata.

Il commento degli esperti di Pediatria On Line sul quiz: Malattia da graffio di gatto

Il graffio di un gatto può essere responsabile di una malattia che prende il nome proprio dalle modalità del contagio: "Malattia da Graffio di Gatto". Il germe responsabile è un batterio chiamato Bartonella Henselae.

La malattia inizia ovviamente con il graffio (del gatto, ma anche di spine o rovi) spesso inosservato e, dopo qualche giorno (3 -10), può comparire in questa sede una piccola lesione della pelle, che appare solo più rossa o ha l'aspetto di una puntura d'insetto o di una bolla.

Dopo circa due settimane si manifesta il quadro tipico della malattia, caratterizzato da un ingrossamento di uno o più linfonodi regionali. Il bambino non appare "malato" nel senso che le condizioni generali sono buone, a parte il fastidio o il dolore locale.

In alcuni casi possono essere contemporaneamente presenti sintomi generali quali un lieve malessere, una certa debolezza, febbre non elevata e mal di testa.
In altri casi prevale un quadro febbrile senza altri sintomi particolari.

La malattia ha un'evoluzione spontanea verso la guarigione, anche se bisogna aspettare alcune settimane per una riduzione o scomparsa dell'ingrossamento dei linfonodi. La terapia antibiotica nella maggior parte dei casi non è necessaria.





logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"