ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Quiz di pediatria

Saresti un ottimo pediatra?
Verificalo giocando con noi!

Pelle a grattugia

Verifica la tua risposta e confrontala con quella dei "tuoi colleghi genitori"! Poi, leggi sotto il commento dei nostri esperti.

Parliamo di "pelle a grattugia". Quali di queste affermazioni è corretta?
È più frequente nei pazienti con predisposizione allergica22,7%
Richiede l'applicazione di creme idratanti9,1%
Compare più frequentemente sul viso e agli arti9,1%
Tutte le risposte sono esatte59,1%

Totale risposte: 22. La risposta più corretta è quella evidenziata.

Il commento degli esperti di Pediatria On Line sul quiz: Pelle a grattugia

La pelle a grattugia è quasi sempre dovuta alla cheratosi pilare, una innocua patologia della cute che si caratterizza per la presenza di piccoli puntini secchi, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro, localizzati in genere agli arti superiori, alle guance e agli arti inferiori, in particolare alla parte interna delle cosce.

È causata dall’ipercheratosi (in altre parole dall’aumento dello spessore dello strato corneo della pelle) dei follicoli piliferi, che dà origine a piccole papule cornee la cui disseminazione conferisce per l'appunto alla cute un caratteristico aspetto "a grattugia" o "a pelle d’oca".

La cheratosi pilare compare più facilmente nei pazienti affetti da dermatite atopica e tende a risolversi dopo i 30 anni di età. Le manifestazioni cutanee richiedono come terapia soltanto un’idratazione cutanea con blandi emollienti.





logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"