ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

Sintomi e rimedi in caso di acetone nei bambini

Acetone nei bambini. Sintomi: nausea, alito fruttato, sonnolenza. Rimedi: bevande zuccherate e soluzioni idratanti. Utile abbassare la febbre.

Vorrei sapere cosa fare per prevenire l'acetone e come comportarsi qualora questo comparisse.

L’acetonemia o chetosi è una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino che, dopo aver bruciato tutti gli zuccheri a disposizione dell’organismo, inizia a bruciare anche i grassi. Il bambino che "soffre di acetone" è di solito un soggetto dai tre - quattro anni in su, che presenta vomito, dapprima alimentare e successivamente acquoso e biliare, in corso di un episodio febbrile o anche ad insorgenza isolata. Al vomito, che si ripete ad accessi, si accompagnano mal di pancia, senso di malessere generale, occhi alonati, mal di testa, scarsa vivacità, lingua asciutta, patinosa.

Il sintomo più classico è comunque l’odore caratteristico dell’alito, che sa di frutta troppo matura. Viene anche chiamato "alito acetonemico" perché, allorquando il paziente inizia ad adoperare i grassi come fonte di energia alternativa agli zuccheri, si producono alcune sostanze (i corpi chetonici) difficili da smaltire, una delle quali è l’acetone. Questa è una sostanza che evapora facilmente e viene eliminata con la respirazione; essa sprigiona, a contatto con l’aria, il caratteristico odore che viene subito notato dai genitori. Le crisi acetonemiche sono frequenti in situazioni quali un digiuno prolungato, una malattia acuta con febbre, uno sforzo fisico molto prolungato, una gastroenterite, un’eccessiva assunzione di cibi troppo grassi, quali patatine fritte, cioccolata, fritti ecc..

Avendo consumato gli zuccheri a sua disposizione, l’organismo brucia come fonte di energia alternativa i grassi e produce, come già visto, i corpi chetonici che si accumulano nel sangue e nelle urine: in quest’ultime si possono identificare con l’ausilio degli stick urinari per la ricerca della chetonuria, in vendita in tutte le farmacie. La terapia consiste semplicemente nell’offrire al bambino bevande zuccherate (the, spremute, succhi di frutta, Coca Cola) da somministrare a piccoli sorsi in caso di vomito. In questo modo si reintegrano le sue scorte di energia e l’organismo riprende ad utilizzare come combustibile gli zuccheri: nel giro di 2 -3 giorni il piccolo si sentirà completamente ristabilito.

Per prevenire le crisi di acetone (in caso di febbre o comunque nei bambini particolarmente predisposti) può essere consigliata la seguente dieta.

Dieta per la prevenzione dell'acetone nei bambini

Alimenti permessi in caso di acetone

  • Latte parzialmente scremato o latte scremato
  • Yogurt magro
  • Pane
  • Fette biscottate
  • Marmellata
  • Miele
  • Frutta
  • Camomilla
  • Acqua
  • Succhi di frutta
  • Pasta,
  • Riso
  • Semolino
  • Brodo vegetale
  • Carni bianche come pollo, vitello, coniglio, tacchino ai ferri o lessati
  • Pesce
  • Verdure di qualsiasi tipo lessate, cotte a vapore o crude
  • Legumi
  • Olio extravergine di oliva 

Alimenti proibiti in caso di acetone

  • Latte intero
  • Yogurt intero
  • Gelato
  • Burro
  • Cioccolata
  • Biscotti frollini
  • Brioches
  • Merende confezionate
  • Carni rosse
  • Salumi
  • Insaccati
  • Uova
  • Formaggi
  • Fritti
  • Maionese
  • Panna
  • Crema

1/8/1997

22/4/2015

I commenti dei lettori

Coca cola a 3-4 anni???

Fabio (BO) 04/05/2011

Se prima di scrivere leggeste bene... Dice dai 3-4 anni IN SU.?Un bambino di 7-8 anni la coca cola la beve...

silvia (AL) 03/04/2012

salve, anche io ho un bimbo che soffre di acetone, basta che sia molto stanco e non mangi abbastanza che sale su, per non parlare di quando ha la febbre, in piu' quando si ammala chiude la bocca e non riesci a farle mangiare niente, e un bel problema, tipo in questi giorni ha febbre ,tosse, e in piu' acetone, e non c e verso che riesci a farlo mangiare,in piu' sta prendendo l'antibiotico da oggi, va avanti con succhi di frutta spero che la situazione cambi perché se dovesse vomitare lo ricoverano per idratarlo, mi potete dare un consiglio? grazie mille. il mio cucciolo ha 4 anni

RITA (SS) 28/05/2013

buongiorno ho un bambino di 6 anni e soffre di acetone ma lui non beve la cocacola o altro beve solo acqua naturale e basta cosa posso fare

roberta (MI) 03/06/2013

ho un bambina di 28 mesi ed e ricoverata da una settimana e sotto flebo e vomita ancora come mai i valori del acetone mi hanno detto che sono scesi allora come mai non migliora

dario (MB) 29/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sintomi e rimedi in caso di acetone nei bambini"

Una brutta diarrea
Durante una brutta diarrea dall'esame delle feci è risultata la presenza del Campylobacter.
Emicrania
L'emicrania è un sintomo presente in tutta l'età pediatrica e che, poco frequente nei primi anni di vita, mostra un andamento crescente dall'età scolare.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Vomita quando lo sgrido
Il mio bambino quando si arrabbia comincia a piangere fino a vomitare. Come devo comportarmi? I consigli della psicologa.
Rigurgito nel neonato
Il rigurgito dopo i pasti è assolutamente normale e non preoccupante, a patto che il neonato cresca normalmente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
Quali cure per la toxoplasmosi in gravidanza?
Le cure antibiotiche per la toxoplasmosi in gravidanza servono ad evitare complicazioni per il feto e il neonato.
Uso dell'occlusore per correggere l'occhio pigro
Prima il trattamento viene iniziato, più rapidamente si recupera l'ambliopia - occhio pigro.
Ferro al neonato
Nel neonato il fabbisogno di ferro è assai elevato a causa della sua rapida crescita in statura e in peso.
Quali rimedi per il mal di mare?
Viaggio in nave: i rimedi da adottare per una bambina che soffre di mal di mare.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza