ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Acyclovir

E' diventata una pratica molto consigliata e con buoni risultati la prevenzione della varicella nei fratellini sotto un anno di vita con farmaci antivirali come l'acyclovir.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Uso dell'Acyclovir per prevenire la varicella Nostra figlia di sette anni e mezzo ha la varicella. Il fratellino, di nove mesi, probabilmente è già stato contagiato. Abbiamo sentito parlare di medicinali antivirali che attenuano gli effetti della malattia infettiva, soprattutto quando arriva al fratello che è stato a diretto contatto per "tutto il tempo" con il virus. Sappiamo però che non tutti i medici ne consigliano l'uso. Desidereremmo sapere qualche informazione in più.

In genere è diventata una pratica molto consigliata e con buoni risultati la prevenzione della varicella nei fratellini sotto un anno di vita con farmaci antivirali (Acyclovir) alla dose di 40 mg per ogni kg di peso del bambino (da dividere in quattro dosi) al giorno dal 7° al 14° giorno dall'esordio e quindi dal presumibile contagio con il fratellino più grande.
Resta il problema (nel caso il bambino non sviluppi la varicella) di sapere se è immune o no, ma in questo caso si può vaccinare in seguito senza preoccuparsi se già si era instaurata o no una immunizzazione con il contatto con il fratello più grande.

14/6/2001

3/2/2018

I commenti dei lettori

mia figlia ha la varicella il dott gli ha prescritto aciclovir ogni 6 ore 5ml ho paura  che sia un po troppo visto che mia figlia è sotto peso..è alta 130cm   pesa 22kg anni 9 saluti

aurora (NA) 18/05/2011

Sono molto preoccupata per il mio bambino, ha solamente un mese e mezzo ed è stato in contatto con lo zio che ha contratto la varicella. Questa si è manifestata domenica e loro sono stati in contatto il giovedì, quindi tre giorni prima che si manifestasse la malattia. Cosa devo fare? sono già andata dalla pediatra e mi ha detto che per ora dobbiamo solo aspettare. A cosa va incontro il mio bambino?

Angela (CI) 26/10/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Acyclovir"

Varicella nei bambini
La varicella nei bambini: come fare per alleviare i sintomi, il classico prurito e cosa fare in caso di febbre.
La varicella in un bambino di sette mesi
La varicella può essere considerata pericolosa per un bambino di sette mesi? I consigli del Pediatra.
Il vaccino della varicella
Come agisce il vaccino contro la varicella? La sola prima dose protegge dal contagio?
Varicella in gravidanza
Contrarre la varicella in gravidanza è una situazione rara, ma non rarissima: leggi i nostri consigli.
Varicella del neonato: gli anticorpi della mamma possono prevenirla?
Se il fratello maggiore contraesse la varicella, il neonato sarebbe a rischio di contagio.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'acqua in gravidanza
L'acqua in gravidanza viene trattenuta nei tessuti provocando spesso gonfiori e aumento di peso. Si tratta, però, di disturbi lievi che si superano facilmente.
Palato ogivale
Con il termine "palato ogivale" si intende un palato molto profondo, la cui sezione ricorda appunto una ogiva.
Piedi piatti e posizione nel sonno
La posizione del sonno non ha particolare effetto sulla struttura del piede piatto. Non si può parlare di piede piatto nei primi due anni di vita.
Calazio ricorrente
La terapia medica (colliri e pomate antibiotiche associate a cortisonici) può fare regredire i calazi, se instaurata in tempo.
E' morbosamente attaccata ai nonni
Da sempre i nonni coccolano e viziano i nipoti. E' un rapporto stupendo, fatto di giochi e di complicità.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale