ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

L'olio di Lorenzo

L'olio di Lorenzo è una miscela di acidi grassi insaturi che per la prima volta fu sperimentata ottenendo risultati incoraggianti per curare l’adrenoleucodistrofia.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mi hanno parlato di un film che descriveva una malattia neurologica che chiamavano malattia di Lorenzo e veniva curata con un olio assunto per os detto "olio di Lorenzo", pare che sia una malattia demielinizzante. Avete voi notizie più precise su questa malattia e sulla sua cura?

La malattia in questione è l’adrenoleucodistrofia, una rara malattia genetica, che colpisce solo i maschi (mentre le femmine sono in genere portatrici sane), caratterizzata da: una progressiva demielinizzazione (cioè una distruzione della mielina, quella sostanza grassa che riveste le fibre nervose e che consente loro di trasmettere gli impulsi nervosi) a livello del sistema nervoso centrale; una insufficienza della ghiandola cortico-surrenale; un accumulo nel sangue e nei tessuti di sostanze chiamate acidi grassi saturi a catena molto lunga (in inglese VLCFA). Le manifestazioni cliniche sono estremamente variabili in relazione all’età a cui esordisce la malattia. La forma più grave e più frequente esordisce nell’infanzia (in genere tra i 4 e i 10 anni di vita), ed ha un’evoluzione sempre fatale nel giro di pochi anni, portando ad un progressivo e gravissimo deterioramento mentale e allo sviluppo di una paralisi spastica di tutti e quattro gli arti.

Esiste poi una variante ad esordio in età adulta (in genere tra i 21 e i 35 anni di vita) che ha un’evoluzione lentamente progressiva, ma che coinvolge anch’essa il midollo spinale e il sistema nervoso periferico. Sono stati tentati vari approcci terapeutici alla malattia, sempre senza alcun beneficio. Quelli più promettenti e più recenti sono il trapianto di midollo osseo e soprattutto la terapia dietetica, che prevede sia una riduzione di apporto degli acidi grassi saturi a catena molto lunga che un’inibizione della loro sintesi. Questo scopo sembra essere raggiunto utilizzando una dieta a basso contenuto di grassi, supplementata con acidi grassi monoinsaturi a catena lunga, che esercitano un’inibizione competitiva con i VLCFA.

La terapia dietetica va iniziata precocemente poiché risulta tanto più efficace quanto minore sono i segni di compromissione neurologica. Nel film "L’olio di Lorenzo", interpretato dagli attori Nick Nolte e Susan Sarandon, è raccontata la commovente storia dei coniugi Odone, i genitori di Lorenzo, un bambino affetto da l’adrenoleucodistrofia, che non si rassegnarono all’impotenza dei medici verso questa malattia, ma che con tenacia cercarono una possibile terapia. L’olio di Lorenzo è per l’appunto una miscela di acidi grassi insaturi che per la prima volta fu sperimentata sul loro figlio, ottenendo risultati incoraggianti.

14/10/1999

5/8/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte