ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia al nichel

Il nichel si trova in molti metalli e oggetti laminati in metallo: utensili da cucina, forbici, gioielli, orologi, fibbie, cerniere, fermagli, montature in metallo per occhiali, monete, oro bianco.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Dopo aver effettuato i patch-test, mia figlia di due anni è risultata essere allergica al Nichel. Vorrei sapere tutto quello che è possibile fare per evitare che la bambina venga in contatto con questa sostanza. Ad esempio quali detersivi devo usare, cosa non deve assolutamente mangiare, ci sono dei tessuti che contengono nickel, quali prodotti usare per la pulizia del bambino? ecc. ecc. Qual è il comportamento più giusto da adottare in questi casi?

Il nichel si trova in molti metalli e oggetti laminati in metallo: utensili da cucina, forbici, gioielli, orologi, fibbie, cerniere, fermagli, montature in metallo per occhiali, monete, oro bianco, liquidi industriali, alimenti. L'alluminio, l'acciaio inossidabile e l'oro giallo sono metalli generalmente sicuri in alternativa. Usare abiti senza cerniere metalliche né fermagli. Usare forbici, utensili da cucina, pettini o altri oggetti in metallo con manico di plastica o di legno. Non usare orecchini.

Evitare cibi con alto contenuto in nichel. Questi ultimi sono: aringhe, ostriche, asparagi, fagioli, funghi, cipolle, granoturco, spinaci, pomodori, piselli, farina integrale, pere, noccioline, uva passa, rabarbaro, thè, cacao, lievito in polvere, cavoli, cavolini di Bruxelles. Evitare, infine, tutti i cibi in scatola o cibi cotti in pentolame contenente nichel. (N.d.R.: il patch-test è di un esame, utilizzato soprattutto per individuare le allergie da contatto, consistente in una serie di prove cutanee ad effetto ritardato. Si effettua applicando sulla pelle un cerotto a lento rilascio contenente le sostanze da testare)

23/5/2001

9/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia al nichel"

Allergia al nichel nei bambini
In caso di allergia al nichel nei bambini, la dieta priva di alcuni alimenti evita la persistenza della dermatite.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.
Mal di pancia
Soffre di mal di pancia prima di andare a scuola. Come comportarsi per renderlo più forte? I consigli dello psicologo.
Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa