ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia al veleno di vespa

L'allergia al veleno di Imenotteri (vespa, calabrone, ape) è una forma poco frequente nel bambino, per cui non vi è molta esperienza sulla terapia desensibilizzante (vaccino) in età pediatrica.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Sono la mamma di una bimba di quasi sei anni a cui fu riscontrata, circa due anni fa, una forte allergia al veleno di vespa. So che esisteva un vaccino che poi però, mi hanno spiegato, è stato ritirato dal commercio in quanto pericoloso. Dunque sembra che nulla si possa fare se non correre al pronto soccorso in pochissimo tempo, nel caso di puntura. Vorrei chiedere se questo è vero, cioè non c'è proprio nulla da fare perché il corpo della bimba sia preparato o per lo meno più forte ad affrontare un'evenienza simile?

L'allergia al veleno di Imenotteri è una forma poco frequente nel bambino, proprio per ciò non vi è molta esperienza sulla terapia desensibilizzante (vaccino) in età pediatrica. Il vaccino, in questi casi, è una terapia molto delicata che va assolutamente praticata in ambiente ospedaliero. I pazienti a forte rischio sono, di solito, agricoltori ed allevatori di api.

Questo tipo di allergia è caratterizzata da un decadimento naturale, con il passare del tempo, della sensibilità, soprattutto se non si verificano punture a breve distanza, per cui il bambino che è stato punto ed ha avuto una reazione allergica importante andrà incontro ad una evoluzione benigna dell'allergia.

Sarebbe comunque preferibile avere a disposizione una preparazione di adrenalina autoiniettabile, denominata Fastjekt junior, utile in caso di reazione allergica grave. Nel caso la bambina dovesse essere punta da un imenottero (ape, vespa o calabrone) potrà essere utile somministrare subito un antistaminico ed, eventualmente, cortisone, farmaci che le consiglio di tenere sempre a disposizione e di somministrare senza attendere i sintomi di una reazione grave.

Non mi risulta che il vaccino desensibilizzante specifico contro il veleno di imenotteri non sia più in commercio ma, nel suo caso comunque, per i motivi su esposti, non sarebbe stata una terapia consigliata. Se la bambina non è più stata punta negli ultimi due anni è probabile che la sua sensibilità si sia già ridotta. Provi a ripetere l'esame RAST per imenotteri ed a confrontarlo con il precedente, in modo da verificare questa supposizione.

19/9/2003

19/6/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia al veleno di vespa"

Allergia alle punture dell'ape
Il test per le allergie alle punture dell'ape esiste ed è un esame da praticare su prelievo ematico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare