ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia di un bambino alle punture di zanzara

Un bambino allergico alle punture di zanzara. E' possibile tentare una vaccinazione? I consigli dell'esperto sulla terapia da seguire nei bambini.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Mio figlio di quasi cinque anni è fortemente allergico alle punture di zanzara. Un pizzico sulla guancia, ad esempio, gli provoca un gonfiore vistoso e diffuso fino alla palpebra e una vescicola che poi scoppia e suppura fino a seccarsi. Il tutto dura 4-5 giorni e provoca notevoli inconvenienti. A parte le ovvie precauzioni per prevenire le punture, mi hanno detto che non è possibile tentare una cura di desensibilizzazione. La mia domanda è: potrà questa allergia attenuarsi con la crescita e, inoltre, come comportarsi nel caso fosse punto da un'ape o da una vespa? È da temersi necessariamente una reazione molto forte?

L'allergia alle punture di zanzare è determinata da un'ipersensibilità alla saliva, con la quale gli insetti lubrificano il loro apparato di suzione. Tale anomalia è fastidiosa, ma non pericolosa.
Dura alcuni anni
, dopodiché tende a ridursi in intensità, verificandosi una desensibilizzazione naturale causata dalle stesse punture ripetute nel tempo. Non vi è alcun pericolo di reattività crociata con il veleno degli imenotteri (api, vespe ecc.).
La terapia è caratterizzata dall'uso di repellenti per evitare le punture e dagli antiistaminici per ridurre sintomi fastidiosi, quali il prurito e l'edema sottocutaneo.

26/6/2002

15/5/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia di un bambino alle punture di zanzara"

Strofulo
Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti.
La puntura di zanzara nei bambini
La puntura di zanzara provoca delle autentiche vescicole. In caso di forte dolore o prurito è da prescrivere una terapia cortisonica.
Zanzare
I consigli del nostro esperto su come difendere i nostri bambini dalle zanzare. Come proteggere i bambini piccoli sia in casa che all'aperto.
Allergia alle punture dell'ape
Il test per le allergie alle punture dell'ape esiste ed è un esame da praticare su prelievo ematico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ciuccio e palato
Mio figlio di 20 mesi ha il palato deformato dal ciuccio. I consigli dell'esperto su quando toglierlo per non fargli deformare il palato.
Correggere l'ipermetropia rende strabici?
Mi hanno detto che correggere l'ipermetropia rende strabici. Il parere dell'oculista.
Un'amica immaginaria
Il desiderio porta talvolta i bambini a fingere di avere un amica o amico immaginario.
Eritema tossico del neonato
L'eritema tossico è un'affezione transitoria del tutto benigna. La sua origine è sconosciuta.
Soffre di asma: montagna o mare?
La mia bambina soffre di asma e ci hanno consigliato un cambiamento d'aria: è meglio il mare o la montagna? I consigli della pediatra.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il tetano è corretta?
Può colpire il neonato
E' una malattia contagiosa
E' dovuta a un virus
Prima di manifestarsi ha un periodo di incubazione di più di un mese