ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia e IgE totali

Le IgE totali sono uno degli indici più utilizzati per la valutazione dell'intensità dell'allergia. Possono esserci aumenti transitori delle IgE totali, legati per lo più ad infezioni virali.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Mio figlio, di cinque anni e mezzo, dall'età di quattro anni sta assumendo del cortisone per via inalatoria a causa di una elevata allergia agli acari. Il dosaggio delle IgE totali riscontrata un anno fa era di 928. Oggi lo stesso esame ha dato un valore di 497 (rifaremo a breve anche il prick test). Questo abbassamento delle IgE totali può significare di per sé un miglioramento dell'allergia?

Le IgE totali sono uno degli indici più utilizzati per la valutazione dell'intensità dell'allergia. Il fatto che, nel suo bambino, si siano quasi dimezzate nel loro valore assoluto, fa ipotizzare un miglioramento dello stato allergico. Bisogna però essere prudenti in questa affermazione, poiché si possono avere, nei soggetti allergici, anche aumenti transitori delle IgE totali, legati per lo più ad infezioni virali.

Purtroppo al momento, pur esistendo parametri di laboratorio validi quali le IgE totali, gli eosinofili ematici e del muco nasale, la proteina cationica degli eosinofili (ECP), le IgE specifiche (Rast), nessuno di questi può dare una certezza sull'avvenuto miglioramento dello stato allergico.

Il criterio migliore rimane quello di valutare le condizioni cliniche del bambino e l'evoluzione positiva o negativa dei fenomeni asmatici.

21/3/2000

1/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia e IgE totali"

Asma: montagna o mare?
La mia bambina soffre di asma e ci hanno consigliato un cambiamento d'aria: è meglio il mare o la montagna? I consigli della pediatra.
Allergia ai crostacei
Ha avuto una reazione nel mangiare i gamberetti. Sarà allergica ai crostacei? Il parere dell'esperto.
Intolleranza ed allergia
Intolleranza ed allergia indicano due modalità differenti dell'organismo di reagire a sostanze estranee.
Bambino con diarrea persistente
Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale.
L'allergia
Allergia: una reazione esagerata verso qualcosa che le persone normalmente tollerano bene.
Si strofina frequentemente il naso
Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura dopo rispetto all'allergia alimentare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha le piccole labbra attaccate
Mia figlia ha le piccole labbra con molte aderenze, tanto da essere quasi completamente attaccate.
I cereali nell'alimentazione del bambino
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.
Il corredino del neonato: in ospedale
Come e quando preparare la valigia con l'indispensabile da portare in ospedale per la mamma e il corredino per il neonato.
Antibiotico e dermatite da pannolino
La terapia antibiotica può determinare problemi intestinali e provocare la dermatite da pannolino.
Briglie amniotiche
Le briglie amniotiche sono causate da una rottura precoce dell’amnios (il sacco amniotico) forse a seguito di traumi.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte