ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Angioma al labbro

Il riscontro di un angioma al labbro durante la visita pediatrica nei primissimi mesi di vita è un evento molto comune. Normalmente, rappresenta un problema solamente estetico.

a cura di: Dott. Mario Cutrone (dermatologo)

Ho una nipotina di cinque mesi alla quale stato riscontrato un angioma immaturo che parte dalla base delle narici e arriva al labbro superiore. Desidererei sapere secondo voi quale la cura più indicata ed eventualmente il centro più specializzato in Italia.

Il riscontro di un angioma immaturo durante la visite pediatrica nei primissimi mesi di vita è un evento molto comune. Come già il nome fa intendere, questo tipo di angioma presenta una potenzialità di crescita (in spessore e superficie) che continua in genere fino ai 12-13 mesi di vita del bambino.

Normalmente, l'angioma immaturo rappresenta un problema solamente estetico e l'orientamento attuale è quello di attendere la regressione spontanea, che avviene nella quasi totalità dei casi a partire appunto dai 12-13 mesi di vita. I primi segni di questa regressione sono dati dalla comparsa di una punteggiatura bianco grigiastra.

L'esito "estetico" finale dipende da molte variabili (ad esempio la dimensione massima raggiunta e la presenza di una componente profonda), ma è in generale molto buono e non necessita di alcun ulteriore provvedimento. In ogni caso, si preferisce in genere rimandare ogni eventuale intervento correttivo al momento finale, di massima regressione.

Esistono ovviamente delle eccezioni a questo comportamento:

  • gli angiomi che crescendo possono provocare problemi di funzionalità (in particolare angiomi in vicinanza dell'occhio e della bocca)
  • angiomi estesi o "brutti", in sedi molto esposte (viso) che, nel periodo di attesa della regressione spontanea, possono creare problemi relazionali al bambino (all'asilo)
  • angiomi estesi localizzati alla regione del pannolino (sede di possibili ulcerazioni dolorose e lente a guarire).

Per venire al caso specifico: l'angioma nella regione del labbro e del naso è esteticamente importante (ovviamente a seconda delle dimensioni, che qui non conosciamo) e quindi è teoricamente un possibile candidato a un qualche trattamento è talvolta associato ad angiomi che interessano le prime vie respiratorie (ma credo che a 5 mesi il bambino avrebbe già manifestato problemi: difficoltà respiratoria che peggiora progressivamente).

Ha eseguito qualche esame strumentale? i provvedimenti terapeutici non sono del tutto innocui (cortisone per via generale, interferone) e vanno riservati ad alcuni casi selezionati, che è preferibile siano trattati da medici, pediatri o dermatologi, che abbiano familiarità con questo problema.

Il laser è poco utilizzato per gli angiomi immaturi, mentre è il trattamento di scelta per quelli "maturi" (angiomi piani). Detto questo, nel caso ci fosse effettivamente l'indicazione al trattamento, siamo credo quasi al limite utile di tempo, poichè la terapia per via generale è efficace solo se iniziata precocissimamente.

E' necessario quindi valutare bene la situazione prima di iniziare una terapia "importante", che potrebbe essere alla fine poco efficace. I centri a cui rivolgersi (quelli che io conosco, senza nulla togliere a tutti gli altri) sono:

  • nord: dr.Carlo Gelmetti, Istituto Scienze Dermatologiche Milano
  • centro: Prof.G.Fabrizi, Dermatologia Pediatrica, Roma
  • sud: Prof.Ernesto Bonifazi, Cattedra di Dermatologia Pediatrica, Università di Bari

1/11/1997

24/1/2016

I commenti dei lettori

Consiglio la fondazione Milan presso l ospedale buzzi di Milano, ottimo centro , professionalità ed esperienza.

Cristina (LC) 09/09/2012

Ho un bambino di 9 anni circa.Ha un angioma piano sull'emivolto sinistro, parte del collo e delle labbra. é stato trattato nei primissimi anni di vita con dye-laser. Ha sospeso il trattamento in quanto ha riportato delle cicatrici al mento e sotto l'occhio. Il bambino riporta un rigonfiamento al mento e al labbro inferiore, come un edema...è possibile che l'angioma abbia provocato questo?? quali sono i rimedi fino ad oggi conosciuti?? è possibile ancora trattarlo, vista l'età??

19/10/2012

penso unico sia andare all'idi dal prof.nicodemi e dr bianchini

noemi (NA) 10/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Angioma al labbro"

Epitelioma calcifico di Malherbe
L'Epitelioma calcifico di Malherbe è una rara lesione della pelle. Va rimossa chirurgicamente.
Macchia di colore rosso sulla guancia
Le macchia di colore rosso sulla guancia, nella maggior parte dei casi, rappresenta un disturbo di ordine esclusivamente estetico.
L'angioma
L'angioma è una macchia della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie".
Angioma a stella
L'angioma stellare è una lesione cutanea di colore rosso vivo costituita da un'arteriola centrale con ramificazioni periferiche raggiate.
Linfangioma del labbro
Il linfangioma regredisce spontaneamente con difficoltà, è quindi opportuno valutare l'intervento chirurgico.
Sindrome di Kasabach-Merrit
La sindrome di Kasabach-Merrit è una patologia molto rara in cui si verifica una riduzione del numero delle piastrine nel sangue.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Asfissia intrapartum
L'asfissia intrapartum può essere causa di paralisi cerebrali, ritardo mentale, epilessia, oltre che a deficit neurologici minori.
Circonferenza del cranio nel neonato
La circonferenza del cranio deve essere regolare per velocità di accrescimento e per dimensioni in base all'età del bambino.
E' geloso di sua sorella
Da quando è nata la sorellina ha assunto un atteggiamento violento. Mentre quando non c'è la sorella lui è un angelo.
Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Morso aperto
Il morso aperto è una malocclusione dentale che può portare a problemi di deglutizione e masticazione.

Quiz della settimana

Come viene diagnosticata la fibrosi cistica o mucoviscidosi?
Con un esame del sangue
Con un esame sulle feci
Con il test del sudore
Con un esame delle urine