ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli antileucotrieni

Gli antileucotrieni sono farmaci contro l'infiammazione delle vie respiratorie di tipo allergico. Attualmente la loro indicazione in pediatria è limitata all'asma da sforzo fisico.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Ho un bambino di cinque anni e mezzo, allergico alle graminacee e agli acari. Gli è stata prescritta una cura con [nome commerciale del Chetotifene] e [nome commerciale del Montelukast ]. Vorrei sapere qualcosa sugli antileucotrenici e se possono sostituire i cortisonici.

Gli antileucotrienici sono una nuova famiglia di farmaci antiinfiammatori specifici per l'infiammazione delle vie respiratorie di tipo allergico. Sono farmaci molto selettivi che hanno il potere di bloccare, a differenza dei cortisonici, solo ed esclusivamente l'infiammazione allergica.

Questa proprietà li rende molto maneggevoli e sicuri; inoltre si stanno dimostrando di indubbia efficacia clinica attraverso vari studi già effettuati. Al momento però la loro indicazione in pediatria è limitata all'asma da sforzo fisico ed a quei pazienti che non reagiscono con un miglioramento clinico alle dosi usuali di cortisonici per via topica (aerosol o spray). Si raccomanda, in questi ultimi pazienti, di non abbandonare la terapia cortisonica in atto, ma di abbinare l'antileucotrienico, in modo da ottenere il massimo effetto terapeutico. La componente infiammatoria allergica è, al momento, ritenuta la principale causa dell'asma bronchiale, ma non è la sola, essendo necessaria, per scatenarne i sintomi, anche la presenza dell'’iperreattività bronchiale (eccesso di contrazione muscolare dei bronchi in risposta a vari stimoli).

Si è visto che, data l'alta selettività di azione, gli antileucotrienici agiscono molto bene sulla componente infiammatoria, ma meno bene sull'iperreattività: da qui il consiglio di usarli in abbinamento ai cortisonici topici, che invece hanno un'ottima efficacia su tutte e due le componenti (infiammazione allergica ed iperreattività).

28/11/1999

11/1/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cresce poco, ma è vivacissimo
Se il bambini cresce poco, ma ha una curva di crescita graduale e costante, in genere, non dovrebbero esserci problemi.
Stimolo ad urinare spesso in gravidanza
Lo stimolo ad urinare spesso è un problema frequente in gravidanza, l'incremento progressivo del volume dell'utero provoca una compressione sulla vescica.
Un rene ormai compromesso
Un reflusso vescico-ureterale congenito ha portato ad un rene ormai compromesso. Togliere il rene o correggere il difetto? I consigli dell'urologo.
Difetto interventricolare
Un buchino in mezzo al cuore domande e risposte sul difetto interventricolare.
Idrocefalo
L'idrocefalo è una malattia in cui si ha un accumulo di liquido cefalo rachidiano a livello delle cavità del cervello.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm